Jeremy Lin attacca Donald Trump dopo aver definito il coronavirus il “virus cinese”

Home NBA News

L’ex star dei New York Knicks, Jeremy Lin, ha accusato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di “potenziare il razzismo” nel bel mezzo della pandemia di coronavirus (COVID-19) che terrorizza il mondo intero.

Lin, che ha attualmente firmato con i Beijing Ducks nella Chinese Basketball Association dopo nove stagioni nella NBA, si è offeso per le parole di Trump che ha definito il COVID-19, il “virus cinese”.

Il 31enne taiwanese-americano ha reso noto il suo dispiacere attraverso una serie di tweet.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.