Jesi vince con la sentenza dell’ex: Hasbrouck condanna Piacenza alla sconfitta

Serie A2 Recap

Termoforgia Aurora Basket Jesi – UCC Assigeco Piacenza 81-79

(18-19; 20-11; 20-26; 23-23)

Partita particolare, dal destino quasi ironico, per Kenny Hasbrouck, che ritrova la sua ex-squadra e proprio a pochi istanti dalla fine con il punteggio sul 79 pari, inventa il canestro che fa vincere Jesi e fa vedere a Piacenza la sua terza sconfitta stagionale. Sfida dall’alto livello agonistico, con le squadre a ruotare in sette e a cercare ogni volta di andare oltre le proprie possibilità con i mezzi a disposizione.

Pronti e via, Jesi è già nei guai incassando un 10-0 di break in 5′ di buio totale; Brown smuove la retina, ma sono i 5 punti in fila di Hasbrouck a ridare fiducia alla compagine di Cagnazzo. Guyton e Sanguinetti provano a resistere all’onda d’urto, ma anche Brown e Quarisa entrano in fiducia: dopo 10′ Jesi è a contatto sul 18-19. Il secondo quarto si apre con l’Assigeco in difficoltà: Marini e Brown si caricano sulle spalle l’attacco della squadra spingendo il momento favorevole sul +6, nonostante un Arledge dominante sotto i tabelloni. L’Assigeco mette poca sostanza nelle sue azioni, con l’Aurora che alza il ritmo e comincia ad allargare il divario fino al 38-30 che chiude il primo tempo.

Dopo l’intervallo, le squadre rientrano in campo con grande spirito di agonismo e si rispondono colpo su colpo in un periodo ad alto coefficiente realizzativo: Jesi riesce ad allungare fino al +12, ma due lampi dall’arco di Reati riabbassano la differenza tra le due formazioni. La Termoforgia comincia a perdere colpi e stavolta è la bomba di Formenti a riaprire i conti sul 58-56 che chiude la terza frazione. L’ultimo periodo è infiammante con i marchegiani che spinti dalle bombe di Brown e Hasbrouck si esaltano e tornano a +12 nel giro di 4′ (74-62) che sembra lanciare verso la vittoria; ma i rossoblu non sono ancora battuti e lo dimostrano chiudendo l’area e affidandosi a Sanguinetti in attacco, che rimette i suoi in corsa sul possesso di margine. Jesi prova a respirare con Marini, ma Guyton e l’inchiodata di Arledge valgono il 79 pari a 18” dal termine; per risolverla basta una giocata e arriva proprio dall’uomo copertina: Hasbrouck segna, la preghiera di Formenti è fuori. 81-79 Jesi.

TERMOFORGIA JESI: Brown 22 (+8 assist), Mentonelli NE, Quarisa 13 (+12 rimbalzi), Marini 15, Piccoli 3, Rinaldi NE, Valentini NE, Melderis NE, Massone, Kouyate NE, Hasbrouck 21, Ihedioha 7

ASSIGECO PIACENZA: Arledge 13, Guyton 11, Oxilia 5, Sanguinetti 17, Reati 19, Diouf NE, Fontecchio NE, Infante 8, Seye NE, Dincic NE, Montanari NE, Formenti 6

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.