Klay Thompson toglie il tutore alla gamba e prova qualche tiro prima della partita contro Utah, poi dà indicazioni sul suo futuro rientro

Home NBA News

Nelle scorse ore sono arrivati segnali e parole confortanti da Klay Thompson in merito all’infortunio al tendine d’Achille che lo sta costringendo a saltare la seconda stagione consecutiva: la guardia dei Golden State Warriors, prima di raccontare come sia avvenuto l’infortunio nell’ultima offseason, è stato visto in campo al Chase Center prima della gara di ieri sera contro gli Utah Jazz mentre provava un paio di tiri, senza ovviamente mettere il peso sulla gamba infortunata.

Sicuramente immagini confortanti, nonostante il ritorno in campo sia distante ancora parecchi mesi. Thompson, durante la sua conferenza stampa, ha comunque rivelato di aver tolto il tutore alla gamba nei giorni scorsi e di aver iniziato a camminare su un tapis roulant sommerso come parte della propria riabilitazione. Ai media il giocatore ha inoltre confessato le sue aspettative per una potenziale data di rientro in campo:

Potrebbe essere qualche settimana dopo l’inizio della prossima stagione, oppure un mese dopo l’inizio. Ma decisamente sono orientato verso la prima parte di stagione.

Thompson ha aggiunto che comunque per i primi tempi sarà sottoposto almeno ad un minutaggio ristretto:

Sarò onesto: non mi aspetto di tornare e giocare subito 38 minuti a partita, marcando i migliori giocatori, correndo tra 100 blocchi. Ci arriverò, comunque. Questo ve lo garantisco. Ma per iniziare la stagione potrebbero esserci 20 minuti per me, 18 minuti… Restrizioni nel minutaggio. Vedremo a che punto sarò. Per l’infortunio al tendine d’Achille si parla di solito di un processo di 12 mesi, quindi metà novembre. Ma non lo so nemmeno io, vivo giorno per giorno. Il mio obiettivo è tornare ad essere il giocatore All-NBA che ero prima, non accetterò niente di meno. Sono troppo competitivo per accontentarmi, non sono fatto così. Non posso accettare di giocare 20′ e darvi 13 punti… Non vedo l’ora davvero! Ho così tanta energia incubata, così tanta aggressività agonistica, voglio solo giocare a basket. Quando accadrà sarà un giorno gioioso non solo per me, ma anche per tutti voi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.