Kobe Bryant pensava di essere migliore di Michael Jordan già nell’anno da rookie

Home NBA News

Senza ombra di dubbio, l’icona NBA Kobe Bryant è davvero il giocatore che più si è avvicinato a Michael Jordan sul parquet. In effetti, Bryant è persino arrivato in NBA credendo di essere migliore di His Airness, secondo quanto detto da Tracy McGrady.

In un’apparizione in All The Smoke Podcast di Matt Barnes e Stephen Jackson, McGrady ha ricordato come Bryant fosse già di un altro livello anche durante i suoi primi anni in NBA.

“Se fossi stato vicino a Kobe a 19 anni, fratello, avresti pensato che Kobe fosse qui da anni perché la sua mentalità era così diversa da quella che io abbia mai sperimentato e mai visto in tutti i diciannovenni… Quel ragazzo pensava davvero di essere migliore di Michael Jordan già allora”.

Come la maggior parte dei giocatori che sono entrati in campionato a metà degli anni ’90, Kobe Bryant ha idolatrato Jordan e un giorno sognava di accumulare gli stessi risultati ottenuti da MJ.

Alla fine Bryant è diventato una copia carbone di Jordan, mostrando la stessa grazia e mosse in campo. L’ex Lower Merion aveva anche la stessa forza mentale e la stessa volontà di vincere a tutti i costi. Jordan ha conquistato sei titoli NBA con i Bulls, mentre Bryant alla fine ha portato i Lakers a cinque anelli.

McGrady, d’altra parte, conosce in prima persona Bryant considerando che era una delle poche superstar che poteva scambiare due chiacchiere con la leggenda dei Lakers negli anni 2000.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.