Kobe non è stato un buon compagno di squadra secondo l’ex allenatore dei Lakers

Home NBA News

L’ex allenatore dei Los Angeles Lakers, Del Harris, ammette che Kobe Bryant non era il compagno di squadra ideale all’inizio della sua carriera poiché il cinque volte campione non aveva la pazienza per alcuni dei suoi compagni di squadra.

Harris ha allenato Bryant nei primi tre anni di quest’ultimo in NBA. Secondo lui, l’obiettivo principale di Bryant era su se stesso, semplicemente perché voleva essere il migliore. Tuttavia, Harris ha osservato che alla fine Bryant è diventato un leader con la maturità.

“Abbiamo parlato diverse volte nel corso degli anni, ma all’inizio si è concentrato principalmente su di lui e su cosa poteva fare per essere il migliore. E per un po’, non è stato il miglior compagno di squadra perché era il migliore. E non aveva pazienza per gli altri giocatori che non potevano fare quello che poteva fare lui. Ma ha sviluppato la maturità più tardi nella sua carriera. Ed è diventato un ottimo compagno di squadra, oltre che un uomo stupendo”, ha detto l’ex tattico dei Lakers a Eros Villanueva di ESPN.

Harris ha anche riflettuto sulla tragica scomparsa di Kobe Bryant in un incidente in elicottero a gennaio, esprimendo il suo rammarico per la morte prematura di un uomo che era destinato a compiere molte azioni importanti:

“Il rammarico più grande è che, all’età di 41 anni, avrebbe avuto un impatto per ancora molti anni. Aveva un programma tutto pronto. Ma è un peccato che non sia stato in grado di continuare per altri 20-30 anni e mostrare esattamente che tipo di uomo si è rivelato essere”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.