Kyrie Irving: “Il mio atteggiamento l’anno scorso è dovuto in parte alla morte di mio nonno”

Home NBA News

Dopo aver ammesso di aver fallito come leader dei Boston Celtics nella passata stagione, Kyrie Irving al Media Day dei Brooklyn Nets ha approfondito cosa lo avrebbe spinto ad isolarsi dalla squadra e a giocare al di sotto delle proprie possibilità. Secondo il playmaker parte delle motivazioni del suo atteggiamento sarebbero da ricercare nella morte di suo nonno, avvenuta proprio lo scorso ottobre.

Irving aveva infatti prima promesso che avrebbe rinnovato con i Celtics, salvo poi rimangiarsi la parola qualche settimana più tardi e di fatto lasciare Boston in estate per i Nets. Queste le parole dell’ex Cavs durante la conferenza stampa, riportate dal New York Times:

Mi amavano a Boston, e io amavo i tifosi di Boston… Poi due settimane dopo le cose si sono fatte davvero dure per me. Sono andato al memoriale di mio nonno il 23 ottobre, e questa cosa ha assorbito gran parte della mia gioia… Quindi ho risposto in modi che non rappresentano chi sono veramente.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.