Kyrie Irving si arrabbia con Hayward: “L’ultimo tiro dovevo prenderlo io”

Home NBA News

I Boston Celtics sono stati sconfitti per 105-103 all’Amway Center contro gli Orlando Magic ed il proprio record è sceso a 25 vittorie e 17 sconfitte, 6 partite di distacco dal primo posto ad Est occupato dai Toronto Raptors: sicuramente al di sotto delle aspettative per una squadra che, a detta di tutti gli addetti ai lavori, è la prima favorita a raggiungere le Finals nella Eastern Conference.

Questa notte, con i suoi indietro di due lunghezze e con il cronometro che segnava 2.9 secondi al termine della gara, Kyrie Irving era più che deciso a prendersi l’ultimo tiro per cercare di vincere la partita: Gordon Hayward ha deciso, però, di servire Jayson Tatum che ha fallito il jumper del possibile pareggio, lasciando ai Magic la vittoria finale; come si può vedere dalle immagini dell’ultima sequenza della gara, Irving si mostra parecchio irritato con il compagno, che avrebbe dovuto dare la palla ad Horford che avrebbe cercato poi di servire lo stesso Irving per la conclusione finale.

Intervistato dai media dopo la gara, Irving è apparso alquanto arrabbiato con se e con i suoi compagni: “I giovani non sanno cosa serve per essere in una squadra che può lottare per vincere l’anello, non sanno cosa serve fare ogni giorno. E se pensano che ora sia difficile, cosa penseranno quando proveremo ad arrivare alle Finals nei playoffs? Quwllo che stiamo affrontando ora è niente rispetto ad essere sul palcoscenico delle Finals, ora stiamo solamente giocando per ottenere una posizione privilegiata ai playoffs. L’anno scorso non c’erano aspettative, tutti giocavano a mente libera, ma quest’anno tutti si aspettano grandi cose da noi. Ed è positivo, ma non stiamo ancora facendo ciò che è giusto. Dobbiamo migliorare e ci possiamo arrivare. Io devo migliorare, dobbiamo vincere queste partite in trasferta, è colpa mia perchè devo diventare un leader migliore e aiutare la squadra ad arrivare all’obiettivo“.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.