Kyrie Irving si paragona in modo bizzarro a Martin Luther King: “Le persone gettano m***a su di me come hanno fatto con i grandi leader”

Home NBA News

Kyrie Irving è stato assente dai campi di gioco per circa 2 mesi per un infortunio alla spalla, ma da 4 partite è ritornato a gestire l’attacco dei Brooklyn Nets, che attualmente occupano l’ottavo posto ad Est con un record di 18 vittorie e 24 sconfitte: se le sue qualità sul parquet sono indiscutibili, le sue esternazioni fuori dal campo sollevano spesso qualche dubbio.

A margine di uno degli ultimi allenamenti dei Nets, Irving è stato interrogato dalla stampa a proposito delle recenti critiche nei confronti della sua opinione secondo la quale alla sua squadra mancherebbe ancora qualche giocatore importante per diventare una contender: “Quando sono stato fuori per 7 settimane la gente parlava comunque di me, è inevitabile. La gente ha condannato anche Martin Luther King per aver parlato di pace e integrazione sociale. La storia è piena di riferimenti simili: leader storici e grandi persone nella società che hanno fatto ottime cose sono stati comunque criticati, la gente ha detto tanta m***a anche su di loro. E’ così“.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.