La commovente storia di Jaylen Brown e suo nonno, a cui è stato diagnosticato un cancro prima della ripresa dell’NBA

Home NBA News

Jaylen Brown dei Boston Celtics non aveva intenzione di entrare nella “bolla” di Orlando dopo che a suo nonno è stato diagnosticato un cancro. Tuttavia, è stato costretto da suo nonno a unirsi alla sua squadra nel riavvio della NBA.

“A mio nonno è stato diagnosticato un cancro appena prima che ci preparassimo per entrare nella “bolla”. E sono l’unica persona che può curarlo, vive con me da cinque o sei mesi. Quindi aveva bisogno di me al suo fianco”.

Jaylen Brown ha notato che suo nonno, Willie Brown, ne ha passate tante: dalla guerra del Vietnam, dov’è stato colpito alla testa due volte, ha sofferto di un attacco di cuore, e infine ha contratto il COVID-19. Con tutto il dolore che ha passato, l’anziano Brown non voleva iscriversi a sessioni di chemioterapia. Ma poi, Jaylen ha trovato un accordo con lui.

“Ha detto che aveva finito. Ha detto che era stanco. E l’ho convinto dicendogli ‘Vado laggiù a giocare, ma devi giocare anche tu’. Gli piaceva il patto e si è iscritto alle sessioni di chemioterapia”.

Brown ha condiviso che suo nonno sta “andando alla grande” al momento. Per quanto riguarda il 23enne, è andato abbastanza bene nella ripresa dell’NBA. Ha aiutato i Celtics ad arrivare alle finali della Eastern Conference e ha combattuto con i Miami Heat fino a quando gli è stato possibile.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.