La LBA potrebbe ripensarci: niente Torino nella prossima Serie A?

Home Serie A News

È caos in LBA: i ripetuti “no” ricevuti da squadre di A2 negli ultimi giorni, in ordine di tempo quello di Udine è il più recente, sembrano aver costretto il presidente Gandini a tornare sui propri passi. Ad oggi la Serie A conta ipoteticamente 17 squadre: quelle dello scorso anno, con Torino al posto di Pistoia.

La Reale Mutua Torino sembrava essere una delle poche certezze per il prossimo campionato, visto che aveva manifestato più volte di voler fare la Serie A ed era stata inserita in cima al ranking della Legabasket ormai un paio di mesi fa (ranking mai reso ufficiale). Secondo quanto emerso in questi giorni, però, potrebbe crollare addirittura questa certezza nel tentativo di “salvare” la competizione riducendola a 16 squadre: come confermato anche da SB Daily, la LBA starebbe dirigendosi verso la bocciatura della promozione di Torino in un’assemblea straordinaria e urgente indetta per domani, lunedì 29 giugno. Il motivo, oltre alla ricerca di un numero pari di partecipanti, sarebbe anche la scarsa chiarezza riguardante il passaggio di proprietà della squadra piemontese che avrebbe indispettito gli altri presidenti, visto che Stefano Sardara da regolamento non può gestire due società nel medesimo campionato (la data-limite indicata è il 10 luglio).

Se davvero Torino fosse costretta a rimanere in A2, è comunque incerto il numero di squadre che prenderanno parte alla prossima Serie A visto che sia Virtus Roma che Vanoli Cremona non hanno ancora fatto chiarezza sul proprio futuro. Se entrambe dovessero auto-retrocedersi o scomparire, sarà una Serie A a 14 squadre? E se invece dovesse iscriversene solo una delle due, si andrà verso un campionato nuovamente a numero dispari ma con 15 partecipanti?

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.