La ricetta di coach Pozzecco: “Cambiare il meno possibile, mantenere un nucleo italiano ed europeo e giocare in post basso”

Home Serie A News

Gianmarco Pozzecco ha guidato la Dinamo Sassari fino alla finale Scudetto nella scorsa stagione, ed in quella conclusasi forzatamente da poco, ha comunque portato nella bacheca della società sarda una Supercoppa: l’ex coach di Varese fa emergere soprattutto il suo carattere molto passionale quando si trova in panchina, ma alla base ha dimostrato di avere idee più che concrete.

Intervenuto a Meet the Best incontra, il Poz si è soffermato sui 3 punti fondamentali su cui si basa la sua filosofia: “Dopo questi due mesi di riflessioni sento di essere diventato un allenatore più strutturato ed avere più certezza nelle direzioni che voglio prendere; se un allenatore ha una forte identità è anche più facile che venga compresa dai giocatori. La mia idea di pallacanestro si basa su 3 punti fondamentali: il primo è, se si hanno le possibilità economiche per trattenere i giocatori, cambiare una squadra il meno possibile; il secondo è di avere un nucleo europeo-italiano, perchè quello che si gioca in America e quello che si gioca qua sono due sport differenti; il terzo è basare il proprio gioco a metacampo sul post basso, in attacco come in difesa“.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.