La Serbia soffre 35′,poi scappa e raggiunge la semifinale.

Home

SERBIA-REPUBBLICA CECA 89-75

(21-21, 45-42, 67-63)

La Serbia soffre per 35 minuti, ma poi scappa e conquista la semifinale di Eurobasket 2015 al termine di una partita dove la Repubblica Ceca, autentica rivelazione della manifestazione, esce a testa alta. 

Sin dalle prime battute la Repubblica Ceca non si fa intimidire e parte senza paura con 8 punti di Schilb andando avanti 5-12, la Serbia un po’ contratta abusa con il tiro dall’arco, ma ritorna con prepotenza in gara praticamente subito grazie alle penetrazioni di Teodosic e l’ingresso dalla panchina di Raduljca e Nedovic che costringono la Repubblica Ceca al time out dopo 7 minuti (13-16) per provare a spezzare il ritmo serbo ma la truppa di Djordjevic non ne risente,risponde alle realizzazioni di Vesely trovando il vantaggio(19-18 all’8°) grazie proprio ai due giocatori subentrati dalla panchina, i cechi non subiscono il colpo e rispondono alla tripla di Schilb pareggiata ancora da una penetrazione di Nedovic che porta al punteggio di parità (21-21) alla fine di un primo quarto dove la Serbia si fa notare per l’8/11 nei tiri da due.

Inizia subito con le maniere forti la Serbia la seconda frazione provandola ad indirizzare a suo favore con un gioco da 3 punti di Raduljica e una tripla di Erceg (27-23), ma Vesely e Houska bloccano il primo tentativo di fuga serbo restando in partita (27-28), Teodosic inizia a salire in cattedra mettendo in ritmo i compagni (saranno 7 gli assist a metà partita),si iscrive alla gara anche Bjelica, ma la Repubblica Ceca con 5 punti di fila di Hruban impatta ancora e costringe Djordjevic al time out (36-36 al 17°). Al ritorno in campo Erceg firma 6 punti consecutivi (42-36) portando a casa anche il terzo fallo di un Satoransky che non riesce a entrare in partita nel primo tempo. Vesely con 11 punti e 5 rimbalzi tiene in gara i suoi  (45-42) nonostante 8 palle perse di squadra, compensate da una percentuale da 2 del 74% e ben 15 assist.

La Serbia prova a dare una spallata significativa alla gara ad inizio terzo quarto con i soliti Nedovic e Raduljica che inizia a essere padrone dell’area e far valere la sua mole raggiungendo i 13 punti mentre la Repubblica Ceca prosegue la sua collezione di palle perse (51-44), Satoransky con 6 punti di fila si sblocca e cerca di fermare l’emorragia dei suoi, mentre Raduljica commette il suo terzo fallo ed è costretto ad andare in panchina. Ma altre 2 triple firmate da Erceg e Bjelica portano la Serbia al 60-53 con la Repubblica Ceca che inizia a sbandare vistosamente arrivando alla tredicesima palla persa al 26° ed esaurendo il bonus. La Serbia raggiunge anche la doppia cifra di vantaggio, ma commette l’errore di credere di aver chiuso la pratica, e un paio di palle perse banali e il prepotente ritorno in gara di Satoransky, che realizza 14 punti nel solo terzo quarto, riportando la Repubblica Ceca in gara,segnano il 67-63 alla fine del terzo periodo.

Djordjevic nel quarto quarto rimette l’artiglieria pesante con Raduljica che subito si fa sentire sotto canestro (70-67), ma realizza ben presto il quarto fallo, uscendo di nuovo dalla gara. Bjelica e Teodosic decidono allora di far salire le marce e firmano il +11 al 33°, Satoransky e Vesely, pur da soli, non alzano ancora bandiera bianca (77-70 al 35°), ma ancora la coppia Bjelica-Bogdanovic sigillano la vittoria con penetrazioni e bombe dall’arco (87-72 al 38°). Gli ultimi due minuti sono puro garbage time e la Serbia, che chiude con uno spaventoso 73% da due punti portando ben 5 giocatori in doppia cifra, che ora attende la vincente di Italia-Lituania.

Serbia: Teodosic 12, Simonovic, Kuzmic, Bogdanovic 6, Bjelica 14, Markovic 11, Kalinic 2, Nedovic 8, Milosavljevic, Raduljica 16 Erceg 20 Milutinov.

Repubblica Ceca: Benda 2,Auda,Purprla 5,Hruban 5, Satoransky 20,Welsch 4, Houska 5, Barton, Jelinek, Sirina, Schilb 11, Vesely 23.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.