La vecchia guardia manda avanti la Fortitudo, Brescia si arrende nel finale

Home Serie A News

GERMANI LEONESSA BRESCIA 73 – POMPEA FORTITUDO BOLOGNA 76

(17-17, 17-18, 22-20,

Cuore ed esperienza che escono fuori nel momento del bisogno: così la Fortitudo Bologna batte la Germani Brescia dopo aver a lungo rincorso, senza però mai farsi distanziare. Nella serata in cui Robertson stecca, l’Aquila trova risorse dai suoi uomini più esperti: decisivi, oltre al solito Aradori, anche i “vecchi” Cinciarini e Mancinelli, insieme a Fantinelli. Dall’altra parte, invece, Abass non entra mai veramente in ritmo e nell’ultimo periodo la Leonessa paga la mancanza del punto di riferimento più importante di questi mesi.

CRONACA

Meno spettacolo rispetto alla gara precedente ma stesso equilibrio: Brescia si scalda con buone letture di Vitali, dall’altra parte la Fortitudo beneficia del pick and roll Aradori – Sims per il 17-17 di fine primo quarto. Entrambe le squadre trovano risorse dalla panchina, poi Lansdowne prova a spezzare l’equilibrio ma Leunen e il solito Sims (foto a dx) rispondono a tono facendo mettere il naso avanti a Bologna. All’intervallo però a condurre è la Leonessa (34-33).

Con una tripla di Lansdowne e una fiammata di Abass la Germani sale fino al +8 al rientro in campo ma la Effe resta lì grazie ai suoi esterni italiani. La tensione comunque resta altissima come testimoniano tecnici e antisportivi, ne approfitta ancora la formazione lombarda grazie all’esperienza del duo SacchettiMoss, risponde nuovamente l’anima azzurra dell’Aquila che resta agganciata con le unghie e con i denti alla partita (56-53).

Tanti errori nel quarto periodo ma sono ancora gli italiani protagonisti: Abass da una parte, Aradori e Mancinelli dall’altra e risultato in parità a 4′ dalla fine, quando Moss esce per falli. Brescia va un po’ fuori giri iniziando a forzare qualche conclusione, Bologna invece attacca con pazienza e sale a due possessi di vantaggio con Cinciarini e Sims, spingendo Esposito al timeout con 95″ sul cronometro. Lansdowne colpisce dall’arco ma lo imita Fantinelli, poi un paio di errori per parte e il mezzo gancio di Cain per il -1 bresciano a 17″ dalla fine. In lunetta per il fallo sistematico Cinciarini fa percorso netto, dall’altra parte Sacchetti spreca malamente il pallone del possibile pareggio e dà il via alla festa fortitudina.

TABELLINI

Brescia: Zerini 3, Trice, Abass 10, Cain 4, Vitali 14, Laquintana 6, Lansdowne 15, Veronesi n.e., Guariglia n.e., Horton 6, Moss 7, Sacchetti 8. Coach: Esposito.

Fortitudo: Robertson 2, Aradori 19, Cinciarini 11, Mancinelli 9, Dellosto n.e., Leunen 7, Sims 17, Fantinelli 11, Daniel, Stipcevic. Coach: Martino.

STATISTICHE COMPLETE

PHOTO GALLERY

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.