La Virtus Bologna espugna il PalaCarrara con autorità: Pistoia al tappeto per la seconda partita di seguito

Home Serie A Recap

Oriora Pistoia-Virtus Bologna: 78-88

(13-22; 30-42; 53-62; 78-88)

La Virtus gioca al gatto col topo al PalaCarrara e vince per 78-88. Una partita dall’esito mai in discussione, con i bianconeri che sono scappati via già dalle prime battute. Ma tra la bravura di Pistoia e le amnesie dei bolognesi, il divario è sempre stato ai margini della doppia cifra, tenendo in qualche modo in vita i padroni di casa. Il divario tra le due squadre però si è fatto sentire, con la OriOra che ha accusato maggiormente la stanchezza, sbagliando diversi tiri potenzialmente facili per la buona costruzione. Oltre i termini di lunghezza di roster, ha pesato anche la differenza tecnica, con i toscani che hanno sprecato ben 11 liberi (23/34 dalla lunetta) a fronte di un 40% dal campo. La Virtus invece si è goduta un’altra serata di assoluto dominio per Stefan Markovic: il playmaker serbo ha replicato le giocate mostrate all’esordio, chiudendo con 14 assist, 10 punti e 5 rimbalzi. Al suo fianco Hunter ha preso il posto di Weems rispetto al match contro Roma, fungendo da secondo violino con 22 punti totali. In generale tutti i bianconeri giocano una grande partita di sistema, come testimoniano i 24 assist di squadra. Dal lato Pistoia ci saranno sicuramente degli spunti su cui lavorare per partite più alla propria portata, ma nel frattempo hanno dato ottimi segnali Petteway e Johnson, autori rispettivamente di 21 e 20 punti e buone giocate. Positivi anche i soliti Salumu e Landi, anima e cuore di questa squadra con i loro atteggiamenti positivi sul parquet.

Pistoia resta quindi in attesa della prima vittoria stagionale, mentre la Virtus procede il suo cammino a punteggio pieno.

CRONACA: L’avvio è tutto di Giampaolo Ricci, con il lungo bianconero che segna 9 punti nei primissimi minuti. La Virtus prende così il comando della gara ed i padroni di casa sono costretti ad inseguire. Il tabellone segna 2-8 e poi 5-13 all’interno dei primi 5′ di gara, prima che la tripla di Salumu dia nuova vita a Pistoia. Con l’ex-Varese e la verve sotto canestro di Johnson i biancorossi rientrano vicini, tornando anche a -4 sul 12-16. Ma poi in chiusura del quarto una nuova accelerazione dei bianconeri fissa il 13-22 del 10′.

Nel secondo quarto la OriOra prova ad aumentare l’intensità e la velocità offensiva, creandosi molte opportunità, ma sbagliando la maggior parte dei tiri. La Segafredo si fa sorprendere, anche se grazie alla maggiore precisione offensiva vola via doppiando gli avversari, sul 14-30. Quando però i tiri comodi dei toscani cominciano ad entrare, l’inerzia della partita cambia e Pistoia forza un 8-0. Djordjevic arriva fino al 22-30 prima di chiamare timeout, punito dalle triple di Petteway. Una volta stoppato il tempo, Bologna riprende in mano il ritmo con Markovic e ristabilisce la doppia cifra di margine, fino al 30-42 del 20′.

Dopo l’intervallo lungo continua l’elastico tra le due squadre: subito in avvio è 0-4 per la Virtus, prima di un 10-0 di Pistoia. Con i soliti Petteway e Johnson ispirati, si scalda anche il PalaCarrara e la OriOra torna vicina sul 40-46. Djordjevic è costretto di nuovo al timeout, che sortisce gli effetti sperati e grazie ai rientri di Markovic e Gamble scappa nuovamente sul 42-55 in un amen. È la volta di Carrea di chiamare il minuto di sospensione, ma la risposta dei suoi non va oltre la tripla di Landi. La Segafredo così controlla e continua a spingere, fino al nuovo +14. Nell’ultimo minuto di quarto però, Pistoia sfrutta tutte le disattenzioni degli ospiti e torna senza fuochi d’artificio a -9, sul 53-62 del 30′.

Nell’ultimo quarto il registro della partita non cambia, con i soliti strappi da entrambi i lati. Il primo colpo è della Virtus, che torna nuovamente oltre la doppia cifra sul 56-70. Pistoia non molla e continua a mettere tutto il proprio cuore sul campo, ma la differenza tra le due squadre si fa sentire con la stanchezza maggiore dei padroni di casa che si tramuta in ulteriori errori al tiro. I toscani non riescono quindi a mettere in discussione il risultato, con il tabellone che alla sirena finale segna 78-88.

ORIORA PISTOIA:  Salumu 14, Petteway 21, Johnson 20, Della Rosa 2, Landi 12, Quarisa 1, Brandt ne, Wheatle 0, D’Ercole 0, Bonistalli ne, Dowdell 8.

All.Carrea

SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA: Gaines 15, Deri ne, Pajola 2, Baldi Rossi 3, Markovic 10, Ricci 15, Cournooh 5, Hunter 22, Weems 2, Nikolic ne, Gamble 14

All. Djordjevic

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.