La Virtus Bologna scherza col fuoco, ma il Darussafaka non riesce ad approfittarne

Coppe Europee Eurocup

Segafredo Virtus Bologna – Darussafaka Tekfen Istanbul: 83-72

(20-14; 47-33; 59-52; 83-72)

Nel ritorno al PalaDozza arriva la prima vittoria nelle TOP16 per la Virtus, che supera il Darussafaka per 83-72. I bolognesi non hanno mai rischiato il successo, ma hanno giocato con particolare sufficienza lungo tutto l’arco del match, lasciando sempre in vita gli ospiti. Tra le tante disattenzioni dei padroni di casa, oltre alle 17 palle perse, sono fondamentali in negativo i 20 rimbalzi offensivi concessi. Gli ospiti hanno avuto così molteplici opportunità per restare con il punteggio nel match, anche se le percentuali incredibili al tiro (20/50 da 2 e 5/28 da 3) non hanno mai messo realmente in pericolo la vittoria dei padroni di casa. Per la Virtus ora si apre il doppio confronto con Trento, mentre il Darussafaka affronterà il Partizan capogruppo.

CRONACA: la Virtus impone il proprio volere fin dalla palla a due, iniziando il match con una difesa tosta e aggressiva nel pitturato. Il Darussafaka è costretto a girare al largo dal ferro di casa, non trovando punti dal campo per oltre 6 minuti. Bologna ne approfitta e con la sua classica circolazione raggiunge il 17-4, finché Hamilton decide di svegliare i suoi e portare alla prima pausa sul 20-14.

Nel secondo quarto i turchi continuano nel loro buon momento e mantengono per i primi 5′ le distanze ravvicinate, prima che una fiammata del duo Teodosic-Weems porti di nuovo i bianconeri a +12 (37-25). Come nel primo periodo però, gli ospiti provano a rientrare guidati da Browne. Stavolta la Segafredo non si fa sorprendere e con Weems e Markovic allunga sul 47-33 con il quale si torna negli spogliatoi.

Dopo la pausa lunga la Virtus controlla il gioco, ma commette tantissimi errori nella propria metà campo. Così il Darussafaka rimane in vita, grazie ad un’infinità di rimbalzi offensivi e triple o addirittura quadruple occasioni, per restare sempre intorno alle 10 lunghezze di distanza. Basta raddrizzare un paio di volte la mira per gli ospiti per firmare il 59-52 del 30′, rimettendo tutto in discussione in vista della volata finale.

Ad inizio ultimo quarto basta una leggera fiammata di Bologna per congelare la partita. La fuga bolognese è quella decisiva e nemmeno le storie tese tra Browne e Markovic danno una scossa al match: il Darussafaka non si arrende e continua a difendere duro, ma la Virtus non concede alcuna possibilità di replica. Finisce 83-72 e per Bologna arriva una vittoria importantissima.

Virtus Segafredo Bologna: Gaines 0, Pajola 0, Baldi Rossi 8, Markovic 7, Ricci 6, Delia 0, Cournooh 8, Hunter 9, Weems 11, Teodosic 19, Gamble 11. All. Djordjevic

Darussafaka Tekfen Istanbul: Ozmirak 5, Agva 0, Browne 7, Demir 0, Hamilton 8, Veyseloglu 0, Ozdemiroglu 5, Lamb 16, Jones 3, Guler 13, Colson 13. All. Ernak Burak

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.