La Virtus deve sudare, ma ha la meglio anche del Bayreuth

Coppe Europee Champions League Home

Virtus Segafredo Bologna – Medi Bayreuth:  74-67

(19-19, 34-31, 53-51, 74-67)

Dolce ritorno in Champions League per la Virtus, che supera il Medi Bayreuth per 74-67 e dimentica la scoppola patita contro Cremona. Una partita diversa dalle ultime uscite di coppa, dove Bologna seppure superiore all’avversario, ha dovuto faticare fino alla fine. Anche nel match contro il Neptunas, nonostante sia finito al supplementare, c’era sempre la sensazione che Bologna potesse vincerla. Questa sera nell’ultimo quarto sono tornati i fantasmi di Cremona, scacciati da una difesa perfetta e qualche magia delle proprie punte. In generale la squadra sta maturando la convinzione che si possano vincere partite anche combattendo, non solo dominando nel primo tempo e chiudendo in trionfo. Se quell’atteggiamento di superiorità e quasi di scocciatura nell’avere l’avversario ancora alle costole verrà eliminato, quest’edizione della Virtus potrà togliersi delle soddisfazioni. Intanto il cammino europeo parla di 4 vittorie su 4: un’ottima base di partenza sulla quale migliorare e lavorare in vista dei prossimi impegni.

Tornando alla partita, la Virtus parte subita concentrata. Con la voglia di rivalsa di M’Baye e Punter i padroni di casa prendono dall’inizio il comando delle operazioni. I tedeschi però non si lasciano intimorire dal PalaDozza e guidata da Hassan Martin e Brooks tengono il passo dei bianconeri, chiudendo il primo quarto in parità sul 19-19.

In avvio di seconda frazione l’energia di Kelvin Martin e Cournooh produce il primo strappo, con la Segafredo che trova 6 punti filati e chiude la propria area. Coach Korner è costretto al timeout ed in uscita i suoi ritrovano equilibrio, tamponando le falle dietro. Giocando con calma e circumnavigando la difesa sul perimetro bolognese, gli ospiti riescono a trovare ottimi movimenti sotto canestro di Seiferth per tornare ad un possesso di margine, sul 34-31 che manda le squadre negli spogliatoi.

In avvio di terzo periodo la Virtus prova ad aggredire la partita, con il quintetto base e la vena di Taylor. Bayreuth però non si scompone e con un ispirato Stockton firma pareggio e sorpasso, arrivando al massimo vantaggio (36-40). Qui però lo stesso play figlio d’arte trova terzo e quarto fallo nel giro di un’azione, lasciando i suoi soli per il resto del terzo quarto. Così la Segafredo ne approfitta e rimette la testa avanti, sul 44-42. La doppia fiammata di Baldi Rossi allunga la forbice fino al massimo +7 (51-44), prima che Seiferth e Meisner accorcino nuovamente fissando il 53-51 del 30′.

È ancora Meisner ad aprire l’ultima frazione, con il contro-sorpasso ospite. Con Cappelletti play però la Virtus non si scompone, e l’ex-Siena arma la mano di Kelvin Martin per portare ancora una volta i padroni di casa avanti e lanciati verso la fuga (64-59 al 35′). La difesa poi fai il resto: le maglie si stringono dietro e bastano un paio di magie di Punter e Taylor per chiudere la contesa. I tedeschi lottano fino alla fine, creando qualche brivido con la zona risolto solo dalla bomba di M’Baye. Bologna porta a casa la vittoria, alla sirena finale il tabellone dice 74-67.

Virtus Bologna: Aradori 6, Cournooh 2, Kravic 10, M’Baye 9, Punter 13, Baldi Rossi 8, Berti n.e., Cappelletti 2, K. Martin 11, Pajola 0, Camara 0, Taylor 13.

Medi Bayreuth: H. Martin 10, Seiferth 11, Meisner 8, Stockton 7, Brooks 10, Doreth 3, Robertson 12, Thomas 2, Wachalski 0, Hrovat 4.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.