La Virtus supera Brescia e tiene viva la propria corsa alle Final Eight

Home Serie A Recap

Virtus Segafredo Bologna – Germani Basket Brescia: 88-80

(24-16; 42-34; 63-63; 88-80)

Seconda vittoria su due in questo mini-ciclo all’Unipol Arena per la Virtus, che supera Brescia con il punteggio di 88-80. Un match che sembrava indirizzato verso una serata tranquilla per i padroni di casa dopo un primo quarto ai limiti della perfezione. Nella seconda frazione però la Germani ha ritrovato equilibrio grazie alla zona ed alla coppia Cunningham-Hamilton (16 per il primo, 11 per il secondo), rimettendo la contesa in discussione. Da lì in avanti fino al 37’ il match non ha avuto un padrone, con un’incertezza generale ed una minore brillantezza da entrambi i lati. Nel momento decisivo però, come solito, è salito in cattedra Tony Taylor: assist, difese e soprattutto tanti punti (22 totali, 15 nell’ultimo periodo) a sancire la vittoria bianconera. Buoni segnali per Bologna sia dal punto di vista del gioco (bene nel primo e nell’ultimo quarto, anche se con meno circolazione nei due periodi centrali) sia per il recupero degli infortunati. In attesa del nuovo innesto Yanik Moreira (forse disponibile già per Varese), Martin sembra già pronto all’uso, con 19 minuti di alta intensità. Un passo indietro rispetto all’ala ex-Cremona Aradori e Qvale, con il primo che ha sì firmato 24 minuti e due triple importanti, ma che appare ancora indietro atleticamente. Stesso discorso per il capitano della Segafredo, ottimo in attacco, ma in sofferenza sulla mobilità di Mika ed Hamilton. Al fianco di Taylor si sono elevati Kravic (14) e M’Baye (14), in una serata in cui tutta la truppa ha sofferto nel tiro pesante (9/24, che era 3/13 all’intervallo), ma non si è intestardita e ha trovato buone soluzioni vicino al canestro. Dal lato Brescia invece resta il rimpianto per non aver sfruttato il momento positivo a metà terzo quarto, oltre a non aver trovato alcuna contromisura a Taylor nell’ultimo periodo. Con questa sconfitta i lombardi dicono addio alla corsa Final Eight, mentre la Virtus può ancora sperare e buttarsi negli ultimi 40’ del girone d’andata padrona del proprio destino.

Studio Fotografico Daniele Lenzi
————————-
Foto di:

Tornando alla partita, l’avvio è di marca bianconera. Sacripanti dimostra subito di aver recuperato gli infortunati mettendo in quintetto Aradori e Qvale, ottenendo ottime risposte in difesa da tutti e buone iniziative in attacco per l’8-2 dopo 4 minuti. Alla prima pausa poi entra anche Kelvin Martin, a completare il terzetto di assenti a Trento per portare la Virtus sul 15-4. Cunningham è il solo a trovare la via del canestro tra gli ospiti e sfruttando due contropiedi veloci riavvicina Brescia. Ma la pronta risposta della Segafredo con l’assist da highlights di Aradori e la seguente stoppata di M’Baye fissa il 24-16 del 10’.

Nel secondo quarto Brescia sfrutta subito le disattenzioni di Bologna e torna nuovamente a contatto. Sacripanti è costretto al timeout e in uscita i suoi trovano la tripla di Baldi Rossi allo scadere dei 24 secondi. Ma la Germani ormai è in ritmo e Zerini segna il 29-26 del 14’. La zona lombarda diventa un rebus insolubile ed i padroni di casa faticano incredibilmente a creare gioco. I tanti errori al tiro dei ragazzi di Diana però consentono a Bologna di mantenere sempre un possesso di distanza. Così i 4 punti consecutivi di Qvale uniti alla tripla di Punter sono oro colato nell’economia del quarto e consentono il 42-34 del 20’.

L’intervallo azzera l’inerzia in favore della Virtus e Cunningham torna a segnare con continuità, per il 43-43 dopo meno di due minuti. Lo stesso Cunningham però compie il 4° fallo ed è costretto ad uscire di nuovo dal match. La Germani non ne risente, perché con Hamilton sugli scudi trova il primo vantaggio dallo 0-2 di inizio partita. Nel momento più buio sono Taylor ed Aradori a riaccendere la luce ad i padroni di casa: con due triple i bianconeri tornano avanti e fermano la mini-fuga ospite. La tripla di Laquintana sulla sirena però azzera nuovamente il distacco e si entra nell’ultimo quarto sul 63-63.

L’ultima frazione si apre nel segno di Tony Taylor: il play di Bologna segna 6 punti di seguito, firma un recupero ed un assist per il nuovo strappo, sul 71-65 al 33’. Coach Diana è costretto a rischiare Cunningham, che risponde subito presente, coadiuvato da Mika. Ma il solito Taylor prende per mano la Virtus e a 5’ dal termine la forbice si allarga sul 79-70. Ancora Taylor porta a scuola la difesa lombarda e il quinto fallo di Cunnigham (top scorer dei suoi) pone la parola fine sul match con 3’ di anticipo. Sacchetti ci prova con la tripla acrobatica, ma il divario ormai consente alla Virtus di non correre patemi nel finale. Sempre Taylor firma i punti conclusivi e la Virtus porta a casa i due punti grazie all’88-80 finale.  

Virtus Segafredo Bologna: Taylor 22, M’baye 14, Punter 7, Pajola 2, Cournooh 4, Kravic 14, Cappelletti 2, Baldi Rossi 3, Martin 2, Aradori 8, Qvale 10. All. Sacripanti

Germani Basket Brescia: Hamilton 11, Abass 8, Laquintana 9, Cunninham 16, Caroli 0, Mensah ne, Mika 11, Beverly 7, Zerini 4, Moss 2, Sacchetti 10. All. Diana

  • 12
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.