La Vuelle Pesaro ci prova fino all’ultimo, ma alla fine a spuntarla è Reggio Emilia

Serie A Recap

Vuelle Pesaro 96 – 104 Grissinbon Reggio Emilia

(22-22 / 23-26 / 20-25 / 31- 31)

Per Max Menetti arriva il miglior regalo di compleanno che i suoi ragazzi potessero fargli: una vittoria fondamentale all’Adriatic Arena. Reggio Emilia inizia nel migliore dei modi il match, mentre Pesaro rimane molto contratta, ma riesce a reagire e riportarsi in parità. Entrambe le squadre hanno viaggiato punto a punto per 35′, poi sono stati decisivi alcuni errori dei marchigiani nel finale, con Reggio che ne ha approfittato per chiudere la gara. Per entrambe le squadre sono 5 i giocatori in doppia cifra, tra cui spiccano: per Pesaro i 18 di Bertone e Mika e i 17 di un ottimo Monaldi; mentre per Reggio sono 23 per Wright e 20 per Llompart

Della Valle innesca Llompart e Markoishvili che si fanno trovare subito pronti da dietro l’arco e, una volta aggiunti i canestri di White e Reynolds, Reggio prova subito a fuggire: 4-11; Pesaro, invece, nei primi 5’ di gara segna solo grazie a Moore, l’unico abile nel trovare soluzioni in un attacco molto statico che produce solo tiri forzati, e Reggio ne approfitta andando anche sul +13. Tentativo di reazione della VL guidato dall’asse Moore – Mika, sfruttando un rallentamento dell’attacco reggiano, che perde 3 palloni in pochissimo tempo. L’attacco pesarese ha preso le misure alla zona proposta da coach Menetti e ci deve pensare Markoishvili, con un’altra tripla, a chiudere il parziale di 11-0 dei locali. Il primo quarto si chiude sul 22-22, con la Vuelle che è riuscita a reagire dopo un inizio terrificante sotto ogni punto di vista.
Wright si prende sulle spalle l’attacco reggiano, segnando 7 dei primi 11 punti dei suoi nel secondo quarto, mentre Pesaro prova a rimanere a contatto con Bertone e, soprattutto, Monaldi che è entrato bene nel match. La squadra di coach Leka però vanifica quanto di buono fatto e subisce un parziale di 0-6, firmato White e Llompart che continua a segnare da dietro la linea dei 6,75. Altra reazione pesarese con Ceron che ne segna 4 in fila, oltre che capitalizzare al meglio il tecnico fischiato a coach Menetti. Wright continua a fare la voce grossa vicino al ferro e Reggio Emilia riesce ad andare alla pausa lunga con un possesso pieno di vantaggio: 45-48.

Nei primi minuti del secondo tempo Pesaro muove bene palla in attacco, mentre Reggio riesce a trovare il fondo della retina grazie alle iniziative personali di Markoishvili e Reynolds; i padroni di casa trainati da Mika e Bertone riescono a rimettere il naso avanti: 55-54. Llompart, sulla sirena dei 24”, segna di nuovo da tre punti e poi trova Mussini in angolo per il nuovo +5; con Pesaro però che riduce di nuovo lo scarto ad un solo punto, prima di essere ricacciata indietro da un ottimo Markoishvili che prima segna da tre, poi recupera palla per innescare il contropiede chiuso da Mussini. 65-73 al termine del terzo quarto.
Monaldi è in gran serata e i compagni continuano a cavalcarlo: due triple consecutive e poi il recupero chiuso con il layup; è il play ex Dinamo Sassari che guida la nuova rimonta che viene portata poi a termine da Omogbo che, con la tripla, porta Pesaro avanti: 79-78. Le due squadre continuano a tirare con ottime percentuali, come testimonia il punteggio: 86-85 a 5′ dalla fine. Dopo una serie di cambi di vantaggio, è Reggio a mettere 4 punti di distanza, ma Little non ci sta e si inventa la tripla del momentaneo -1, perché subito dopo Wright segna il canestro che lo porta a quota 21 e si entra nell’ultimo minuto sul 96-99. Llompart sbaglia la tripla che avrebbe chiuso il match, ma Moore perde una palla sanguinosa e la mano di Wright non trema dalla lunetta, cosicché Reggio riesce ad archiviare definitivamente la partita. Dopo la tripla di Mussini, il finale è 96-104 e Reggio passa a Pesaro.

TABELLINI:

PESARO: Omogbo 15; Ceron 6; Mika 18; Moore 12; Ancellotti 2; Little 8; Bertone 18; Monaldi 17; Serpilli N.E.; Bocconcelli N.E.. All. Spiro Leka

REGGIO EMILIA: Mussini 18; Wright 23; Candi 2; Della Valle 7; White 13; Reynolds 6; Markoishvili 13; Cervi 2; Llompart 20; Bonacini N.E.. All. Massimiliano Menetti

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.