L’Argentina in semifinale senza giocatori NBA: non era mai successo in questo secolo

Home Nazionali World Cup 2019

L’Argentina ieri ha fatto davvero qualcosa di grandioso, eliminando la Serbia, sulla carta tra le favorite alla vittoria del torneo, ai quarti di finale della FIBA World Cup. Per rendere meglio l’idea di quanto ottenuto all’Albiceleste, ci corre in soccorso una particolare statistica riguardante il numero di giocatori NBA presenti nel roster, spesso indicatore del valore di una Nazionale (anche se non sempre è così).

Questa Argentina non ha nemmeno un giocatore NBA, allo stato attuale delle cose. Luis Scola ha giocato nella Lega americana per molti anni, anche con un ruolo importante, ma ormai da due stagioni si è trasferito in Cina. Patricio Garino ha all’attivo 5 partite con la maglia degli Orlando Magic, ma dal 2017 è al Baskonia. Nicolas Brussino ne ha disputate 58 tra Dallas e Atlanta, tornando poi subito in Europa dove ora gioca nel Zaragozza. E infine Lucas Laprovittola scese in campo in 18 occasioni con i San Antonio Spurs nel 2016, ma non durò più di così.

L’Argentina è diventata la prima semifinalista di un Mondiale di questo secolo, quindi dal 2000 in poi, a non avere a roster nemmeno un giocatore NBA. La Grecia nel 2006 aveva Vassilis Spanoulis, che aveva già firmato con Houston per la stagione ventura, lo stesso si può dire della Lituania con Linas Kleiza nel 2010. Per trovare una squadra che condivida questa peculiarità con l’Argentina 2019 è necessario tornare al 1998, quando ben tre delle quattro semifinaliste non avevano NBA in squadra: la Serbia e Montenegro, la Grecia e la Russia, in quell’occasione l’unica squadra in semifinale ad averne erano, ovviamente, gli Stati Uniti. In questo Mondiale, comunque vadano le due semifinali di oggi, l’Argentina rimarrà l’unico roster con questa caratteristica.

Foto: fiba.basketball

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.