Las Vegas SL, Day 5: vittorie in volata per Portland e Washington, Heat ok contro i Suns, Spurs sconfitti dai Bulls.

NBA Recap

web1_bkn_summerleague_070916bl_237_6644968

Quinta giornata di Summer League a Las Vegas e vittoria di misura per Washington contro Brooklyn, con Oubre Jr. e Jarell Eddie a guidare i loro segnando 16 punti a testa. Tra le fila dei Nets ben 5 i giocatori in doppia cifra: oltre ad Hollis-Jefferson, migliore dei suoi con 19 punti e 7 rimbalzi, spiccano anche Chris McCullough (10), Jerrelle Benimon (10), Isaiah Whitehead (10) e Beau Beech (13). Gli Wizards piazzano un decisivo 8-0 di parziale negli ultimi 1:55, ribaltando così il punteggio da 79.85 fino all’87-85 finale.

Match apertissimo quello tra Portland e Utah, deciso solamente al secondo supplementare dopo una partita combattuta sui binari della parità: C.J. Fair e Pat Connaughton si mettono in mostra con 20 e 19 punti, mentre Noah Vonleh registra una doppia doppia da 10 punti e 10 rimbalzi. Per i Jazz ottima partita di Trey Lyes con 30 punti e 9 rimbalzi (10-20 dal campo) e Ford, che chiude con 7 punti e 12 rimbalzi. 92-89 i il risultati finale, fissato dalla tripla della vittoria di Connaughton.

Terry Rozier e Jaylen Brown guidano i Celtics alla vittoria contro i Mavs segnando 46 punti totali (26 per il primo, 20+10 rimbalzi per il secondo), tristemente sufficienti per domare una Dallas che oltre al contributo di Jonathan Gibson (26 punti con 7-7 ai liberi) e Justine Anderson (29 punti + 11 rimbalzi, 7/7 ai liberi e 6/12 da tre) raccoglie ben poco dal resto del roster. I Mavs pagano un brutto terzo quarto che ribalta il risultato e rende vano il tentativo di rimonta nel quarto periodo. Finisce 88-82.

Continua a macinare successi Miami, che contro i Suns uccide la partita tra secondo e terzo periodo con un parziale totale di 43-30 sul quale costruisce un buon margine di vantaggio. Con Josh Richardson e Justise Winslow a risposo e dei titolari decisamente poco in forma, gli Heat la spuntano grazie ai panchinari Okaro White (12+12) , Damion Lee (13 punti) e Michael Carrera (16 punti con 5/5 dal campo). Tra i Suns si mette in evidenza Alan Williams, autore di una curiosa “tripla doppia” da 18 punti, 10 rimbalzi e 10 falli in 25 minuti di gioco. Buona anche la prova di Tyler Ulis (16 punti e 7 assist), mentre Devin Booker viene relegato in panchina. Finisce 80 a 71.

Buona prestazione per i Bulls, che contro gli Spurs portano a casa una vittoria di misura grazie a Bobby Portis (18 punti e 8 rimbalzi), Grant (10 punti), Spencer Dinwiddie (10+4 rimbalzi) e Denzel Valentine (15+6 rimbalzi). Gli unici giocatori in doppia cifra negli Spurs sono Jonathan Simmons (22 punti) e Jarnell Stoke (15 punti con un perfetto 7/7 dal campo). 79-76 il risultato finale, con Dinwiddie a chiudere la partita dalla lunetta dopo l’occasione sprecata da Simmons.

Prestazione con luci ed ombre quella della prima scelta assoluta Ben Simmons, che non riesce a guidare i suoi alla vittoria contro gli Warriors dopo una partita chiusa con 8 punti (3-8 dal campo), 8 rimbalzi e 6 assist, con 5 palle perse. 11 punti, 6 rimbalzi, 4 assist e 3 recuperi per T.J. McConnell, secondo miglior marcatore dei suoi insieme ad Holmes (11+8 rimbalzi) dietro a Wood (22 punti con 8-12 dal campo). Per Golden State sugli scudi Royce O’Neale e Keifer Sykes, entrambi a quota 16 punti. Ottima prova anche per Ognen Kuzmic, con 12 punti, 11 rimbalzi e 4 stoppate. Decisivo il parziale di 16-2 sul finire della terza frazione con il quale Golden State prende in mano la gara.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.