Le pagelle di Milano-CSKA: Milutinov giganteggia, Hackett è glaciale, l’Olimpia lotta con i migliori della classe, ma non basta

Coppe Europee Eurolega Home

Foto: olimpiamilano.com

Partita dalle mille emozioni sul parquet del Mediolanum Forum di Assago dove dopo un Overtime il CSKA Mosca si impone sull’Olimpia Milano con il punteggio di 91-87. Gara incredibile fatta di parziali e controparziali, decisa soprattutto dallo strapotere moscovita a rimbalzo (57 per il CSKA di cui 28 offensivi, 32 per l’Olimpia): Milutinov è una presenza incredibile sotto i tabelloni, storica doppia doppia da 17 punti e 19 rimbalzi (16 in attacco, record assoluto per l’Eurolega) per lui, ma per Mosca è Daniel Hackett ad essere l’uomo fondamentale, due triple glaciali nell’overtime e game, set and match per il CSKA. Di seguito le nostre pagelle dell’incontro:

 

AX ARMANI EXCHANGE MILANO

PUNTER 7: come sempre punto di riferimento n°1 in attacco per l’Olimpia, nel terzo quarto porta a scuola tutta la difesa del CSKA, cala un po’ nel finale dove sbaglia qualche tiro pesante. Buona prestazione anche in difesa per lui. Chiuderà con 17 punti.

LEDAY 7.5: il migliore dei suoi, la perfezione assoluta dal campo e dalla lunetta, per l’ex Zalgiris 21 punti con 4/4 dal campo, 12/12 dalla lunetta, 7 rimbalzi e 31 di valutazione. Un fattore per l’Olimpia.

ROLL 5: 8 minuti, la maggior parte dei quali nel quarto periodo dove si sbatte e difende, ma non riesce ad incidere in attacco.

RODRIGUEZ 5: soffre la fisicità degli ospiti, non riesce a sbloccarsi, unica nota positiva i 6 assist.

TARCZEWSKI 5: tiene il campo meglio del solito nei 17 minuti che gli vengono concessi, si sbatte in difesa dove però a volte risulta essere troppo irruento. Esce per 5 falli.

DELANEY 6.5: sale di colpi nel finale, firma il pareggio per portare di fatto la gara all’overtime, dove poi però non riesce più ad essere incisivo. Bello il duello con James (stravinto dall’ex Olimpia). 14 punti per lui.

SHIELDS 6.5: 35 minuti di solidità, anche in quest’occasione Shields ci dimostra di essere un giocatore di estrema intelligenza cestistica. Difende su chiunque, si sbatte a rimbalzo e in attacco è spesso e volentieri un fattore. Non precisissimo comunque da oltre l’arco (1/4), chiude con 13 punti e 8 rimbalzi.

BROOKS 5.5: due tiri liberi vitali per tenere in corsa Milano, qualche sportellata sotto i tabelloni e poco altro.

HINES 6: il grande ex di serata, ha la possibilità di condannare il CSKA dalla lunetta con 0.4 secondi da giocare, ma fa solo 1/2 e la gara va al tempo supplementare. Soffre per tutta la gara i cm di Milutinov, ma Hines non si tira mai indietro e in un’occasione gli rifila una stoppata che rimarrà negli highlights dell’Eurolega per molto tempo.

DATOME 5.5: parte in quintetto, poi Messina lo rilega in panchina preferendo Shields al suo posto. Incantevole il fadeway in faccia ad Hackett nel duello azzurro. Gioca soli 14 minuti.

MESSINA 6: solo applausi per quest’Olimpia che porta all’overtime i migliori della classe e per un pelo non riesce a strappare la vittoria. Il CSKA tenta più volte di dare la spallata definitiva, ma l’A|X non va mai al tappeto e come un pugile di prima categoria torna ripetutamente in gara trascinata dalle giocate di LeDay, Punter e Shields. Peccato per le dimenticanze difensive nel finale, lasciare libero Hackett (50% da tre in stagion) non è risultata una buon’idea. Nota dolentissima, ovviamente, i 57 rimbalzi concessi ai moscoviti.

 

CSKA MOSCA: Bolomboy 5.5, Khomenko NE, James 7, Hilliard 6, Ukhov NE, Hackett 7.5, Antonov 5, Strelnieks 6, Voigtmann 7, Shengelia 5.5, Milutinov 8, Kurbanov 6

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.