Le pagelle di Trieste-Varese: Doyle e Alviti impeccabili, Varese con orgoglio

Home Pagelle Serie A

Doyle e Alviti sono chirurgici e affossano Varese con due grandi prestazioni. Varese torna a giocare dopo un mese. Ecco le pagelle del recupero della 14esima giornata.

Pallacanestro Allianz Trieste

Henry 6.5: lavoro sporco sotto le plance per Myke che colleziona 6 punti ma si fa sentire soprattutto nella lotta a rimbalzo e nella difesa dell’area. 5 rimbalzi e 2 parte rubate per il triestino in 21 minuti.

Fernandez 7: catch and shoot sempre affidabile. Doppia cifra di grande sostanza anche per lo spagnolo che partecipa alla festa del tiro da tre punti con un 3/6.

Alviti 7.5: infallibile il neo azzurro da oltre l’arco, tutto quello che esce dai suoi polpastrelli vede solo il fondo della retina. Il 3/3 del quarto quarto, 6/6 totale, spezza la partita mandano Trieste sul +20, 90 a 70.

Doyle 7.5: un cecchino che trova con grande costanza il canestro per scavare il +14 del primo tempo. Si ripete anche nel secondo tempo tenendo la percentuale al di sopra di quella che ha in stagione (37%) per finire con il 62%, frutto dell’8/13 totale, e 28 punti a referto.

Da Ros 7: canestri d’esperienza per l’ala dell’Allianz, sempre quando serve per rispondere ai tentativi di rimonta degli avversari.

Upson 6.5: è season high da 13 punti per il centro classe ’93 che nel corso della gara regala anche qualche highlight ai suoi tifosi andando su al ferro.

Delia 6: meno presente nel secondo tempo sotto canestro, ma comunque una partita di sostanza in area.

Cavaliero 6: 16 minuti in campo, molti dei quali nel garbage time del quarto quarto.

Grazulis 6: un netto calo rispetto alle ultime due prestazioni in campionato. A referto mette 5 rimbalzi con 2 assist.

Laquintana 6: 2 punti, 2 assist e 2 rimbalzi. Nulla di più da segnalare per l’ex Brescia nei suoi 8:44 sul campo.

Coronica s.v.

Arnaldo s.v.

Coach Dalmasson 7.5: 19/36 da tre, 101 punti segnati, i 28 di Doyle e i 23 di Alviti. E’ una serata storica per Trieste che segna la migliore prestazione balistica della sua storia sfruttando l’organizzazione e l’ordine sul campo, ma anche le condizioni non ottimali degli avversari.

Pallacanestro Openjobmetis Varese:

Ruzzier 6: il play varesino trova subito grande ritmo e tanti punti in ingresso nella partita. Contro la squadra della sua città nativa, Ruzzier spinge sull’acceleratore per dare ritmo e continuità trovando 17 punti e 6 assist, poi diminuiscono le energie, come il resto della squadra.

Strautins 6.5: sfiora la doppia doppia nel primo tempo con 9 punti e 9 rimbalzi. Dopo un mese di inattività è rimasto lo stesso: energia, fisico e punti messi a disposizione di coach Bulleri. Partita dalla personalità straripante.

De Vico 6.5: quello che manca all’ala varesina è solo la bandana. Anche Niccolò torna mettendo in campo tanta intensità e decisione in fase difensiva e soprattutto offensiva pescando la terza doppia cifra della sua stagione e andando molto vicino alla doppia doppia.

Scola 6: il Generale suona la carica ad inizio gara con 3/3 dal campo toccando subito la doppia cifra. Bulleri lo lascia a riposo nella fase centrale della partita, ma quando rientra la partita è già quasi sfuggita.

Morse 5.5: si ritaglia un paio di occasioni sotto il ferro avversario e andando spesso in lunetta dove raccoglie solo un 1/6. Solo 8 minuti sul campo per il centro americano.

Ferrero 5.5: il capitano prova a mettersi in ritmo con alcune conclusioni dall’arco ma non riesce mai davvero a scongelare la mano.

De Nicolao 5.5: season high in punti segnati per De Nik. 4/8 da due cercando anche qualche iniziativa da fuori. Oltre ai punti ci sono 5 assist.

Virginio 5.5: la giovane ala della Openjobmetis segna i suoi primi due punti in Serie A a due minuti dalla fine premiando una prestazione in cui non sono mancati cenni di personalità e di voglia di sfruttare la propria occasione.

Librizzi 5.5: 14 minuti in campo in cui il numero 30 della OJM non ha affatto sfigurato. Manca l’appuntamento col primo canestro in carriera in Serie A, ma un paio di penetrazioni al ferro gli danno la possibilità di mostrare un’interessante attitudine all’assist.

Van Velsen s.v.

Coach Bulleri 6.5: ci si poteva aspettare di peggio dopo un mese caotico e senza un allenamento di gruppo, se non a due giorni dalla partita che segna il ritorno in campo. Carattere, grinta e voglia di lottare su ogni pallone purtroppo non bastano quando finiscono le energie a questa Varese a cui però, questa sera, non si può rimproverare davvero nulla.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.