Le reazioni di Steve Kerr e Jaylen Brown all’omicidio di George Floyd da parte della polizia

Home NBA News

LeBron James è stata sicuramente la voce più rumorosa a levarsi contro l’ennesima brutalità della polizia, stavolta in Minnesota, nei confronti di un americano. Nelle scorse ore infatti George Floyd è morto dopo essere stato tenuto con la testa schiacciata contro l’asfalto per una decina di minuti, col ginocchio di uno degli agenti premuto sul collo nonostante avesse le manette. I 4 agenti responsabili per il momento sono stati licenziati dal dipartimento, ma nulla di più.

Nel panorama NBA, dopo quella di James, sono arrivate anche due opinioni molto forti per quanto accaduto, entrambe ovviamente di condanna, rispettivamente da Steve Kerr e da Jaylen Brown. Il coach dei Golden State Warriors, sempre molto attivo in questi e altri casi di difesa dei diritti umani, ha commentato su Twitter: “Questo è omicidio. Disgustoso. Seriamente, che cosa diamine c’è di sbagliato negli Stati Uniti???”.

Il giocatore dei Boston Celtics invece ha scritto, ripostando il video dell’accaduto: “Se fossi stato sul posto mi sarei fatto arrestare di certo”.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.