LeBron James, i “pochi” voti per l’MVP bastano per superare Michael Jordan

Home NBA News

Nuovo capitolo della rivalità a distanza fra LeBron James e Michael Jordan. La stella dei Lakers ha preso malissimo il fatto di aver ricevuto solamente 16 voti per il titolo di MVP, attaccando duramente la stampa con diverse frasi esplicite.

I 753 punti raccolti, però, gli consentono di battere MJ in quanto a MVP-voting-share, la classifica che si ottiene mettendo in relazione le indicazioni ricevute per la palma di miglior giocatore e le stagioni disputate. In questa graduatoria LeBron è balzato in testa con un coefficiente di 8.81, sorpassando Jordan che si è “fermato” a 8.14, mentre gli altri sono a distanza siderale dai due: i vari Abdul-Jabbar è terzo a 6.20, Bird e Magic Johnson sotto il 6, Russell, O’Neal, Malone, Duncan, Chamberlain e Bryant non arrivano a 5.

Numeri che testimoniano ulteriormente la grandezza e la longevità del King, che ha vinto quattro volte il titolo di MVP e altrettante si è piazzato secondo ma soprattutto ha ricevuto almeno una nomina per ognuna delle 17 stagioni che ha giocato in NBA (eguagliando Abdul-Jabbar al primo posto di questa lista).

 

Fonte: NBC Sports

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.