LeBron James non ha preso bene le parole di Drew Brees sull’inginocchiarsi in segno di protesta

Home NBA News

Nelle ultime ore stanno facendo molto discutere le parole di Drew Brees, quarterback dei New Orleans Saints in NFL nonché MVP del Super Bowl vinto nel 2010. Il giocatore di football ha espresso un parere molto contrario nei confronti del kneeling, il simbolo della protesta pacifica contro il razzismo negli USA reso celebre qualche anno fa da un suo collega, l’allora quarterback dei San Francisco 49ers, Colin Kaepernick. Quest’ultimo, per chi non avesse seguito la vicenda, aveva preso l’abitudine di inginocchiarsi durante l’inno nazionale prima delle partite, ricevendo insulti da parte anche di Donald Trump e venendo sostanzialmente estromesso dalla NFL per motivi politici.

Riguardo all’inginocchiarsi durante l’inno, Brees ha dichiarato, intervistato da Yahoo!Finance: “Non sarò mai d’accordo con qualcuno che manca di rispetto alla bandiera degli Stati Uniti d’America o alla nostra Nazione”. Parole che sono da considerarsi un vero e proprio attacco a Kaepernick e, in un certo senso, anche all’idea che sta dietro la protesta pacifica. Queste dichiarazioni hanno suscitato lo sdegno di LeBron James, tra i tanti: la stella dei Lakers settimana scorsa, per manifestare la propria rabbia per l’uccisione di George Floyd, aveva preso proprio l’immagine di Kaepernick inginocchiato e l’aveva affiancata a quella del poliziotto che, quasi nella stessa posizione, premeva con la gamba sul collo dell’afroamericano a Minneapolis.

“WOW MAN! È davvero sorprendente a questo punto? Di certo no! Davvero non capisci ancora perché Kap si inginocchiasse? Non ha assolutamente nulla a che vedere col mancare di rispetto alla bandiera o ai nostri soldati (uomini e donne) che mantengono libera la nostra Nazione. Mio suocero è stato uno di quegli uomini che hanno combattuto per gli USA. Gli ho fatto spesso domande a riguardo e l’ho ringraziato per quanto ha fatto. Ma non ha mai trovato la protesta pacifica di Kap qualcosa di offensivo, perché sia io che lui sappiamo quello che è giusto e quello che è sbagliato!” ha commentato LeBron su Twitter.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.