L’Italia soffre, rimonta e sfiora la vittoria, ma il successo alla fine va alla Serbia

Home Nazionali World Cup 2019

Serbia – Italia 71-65

(27-17, 20-17, 12-14, 12-17)

A Shenyang l’Italia apre la propria esperienza cinese, seppur ancora in amichevole, contro la Serbia, già affrontata la scorsa settimana in Grecia e avversaria degli azzurri ai gironi del Mondiale ad inizio settembre. Meo Sacchetti riabbraccia Danilo Gallinari e Luigi Datome, entrambi out per tutte le precedenti amichevoli, ma solo il giocatore del Fenerbahçe parte in quintetto.

L’Italia tiene il passo nei primi minuti, raggiungendo un primo vantaggio di 8-6 con una tripla di Belinelli dopo qualche minuto. La Serbia ha tanto talento e fa valere soprattutto i centimetri sotto canestro, riuscendo a riportarsi avanti fino al +12, con gli azzurri che nel finale di primo quarto riducono lo svantaggio fino al 27-17. In apertura di secondo quarto un parziale di 5-0 firmato da Belinelli e Hackett porta l’Italia a -5, ma la Serbia prende subito nuovamente il largo con Guduric e Bogdanovic, chiudendo il primo tempo avanti 47-34.

Nel terzo quarto l’Italia tiene botta, rimane intorno ai 10 punti di svantaggio nonostante un attacco claudicante, basato molto sul tiro da tre punti. Gallinari e Filloy segnano i canestri che valgono il -8 a circa 2′ dalla fine del periodo, ma la Serbia può contare su tiratori altrettanto, se non più, efficaci e chiude al 30′ avanti 59-48. Le due squadre non segnano per quasi 2′ nel quarto quarto, poi ci pensano Jovic con una tripla da oltre 7 metri e Jokic con un tap-in a portare la Serbia a +16, costringendo Sacchetti al timeout. La reazione degli azzurri arriva tutta di botto: dopo tre minuti e mezzo senza punti, Gallinari apre un parziale di 12-0 che, con un gioco da 3 punti di Abass, porta addirittura l’Italia a +1, sul 65-64, con meno di 2′ da giocare. La Serbia però, con due liberi di Milutinov, si riporta avanti e agguanta il +3 con una schiacciata del centro dell’Olympiacos dopo una brutta palla persa di Abass su un rimbalzo difensivo. Dopo il timeout, l’Italia si affida a Belinelli per il tiro del pareggio, con scarsi risultati. Dall’altra parte Jovic segna una tripla dal palleggio con la mano in faccia che chiude definitivamente la gara: gli azzurri si arrendono 71-65.

Serbia: Simonovic 6 (1/1, 0/1), Bogdanovic* 15 (2/4, 3/8), Bjelica* 8 (0/1, 2/5), Lucic ne, Raduljica 4 (2/2), Bircevic* 3 (0/1, 1/1), Jokic 5 (2/4, 0/2), Milutinov* 10 (4/6), Micic 1 (0/4, 0/1), Guduric 8 (2/6, 1/3), Jovic* 11 (1/2, 3/6), Marjanovic ne. All: Djordjevic A.

Italia: Belinelli* 18 (2/4, 3/9), Biligha* (0/4), Vitali L. (0/1 da tre), Gallinari 11 (3/6, 1/6), Hackett* 15 (1/3, 4/6), Filloy 3 (0/1, 1/4), Brooks* 6 (3/3, 0/3), Tessitori 2, Ricci ne, Abass 3 (1/6, 0/1), Sacchetti B. (0/1 da tre), Datome* 7 (1/2, 1/3). All: Sacchetti R.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.