Lo Zenit piazza il colpo esterno nel derby col Khimki: ai gialloblu non basta il solito Shved

Coppe Europee Eurolega

KHIMKI MOSCOW – ZENIT ST. PETERSBURG   81-83

(15-16; 22-20; 11-25; 33-22)

Colpaccio esterno dello Zenit, che infligge al Khimki la decima sconfitta stagionale e spinge la formazione di coach Kurtinaitis fuori dalla zona playoff: il fanalino di coda dell’EuroLega riesce a trovare la vittoria esterna che aveva mancato di un solo punto la scorsa settimana a Milano e si conferma in un buon momento di forma e aggancia così lo Zalgiris e l’Alba Berlino a quota 10 punti.

Shved si conferma essere l’anima dell’attacco dei gialloblu andando subito a segno con due triple nei possessi iniziali della partita, ma lo Zenit si affida alle giocate di Will Thomas e Mateusz Ponitka per rimanere a contatto: gli ospiti provano la prima fuga nel secondo periodo, con Albicy che firma il vantaggio in doppia cifra, ma Timma e Jerebko riportano la gara in equilibrio, le squadre vanno alla pausa lunga sul 37-36.

Nel terzo quarto, lo Zenit trova la spinta giusta dalla difesa per scavare un solco che si dimostrerà essere decisivo: Hollins e Abromaitis colpiscono ripetutamente dalla distanza e gli uomini di coach Plaza toccano il massimo vantaggio sul 48-64 a 9′ dal termine; a questo punto si scatena Shved , che insieme a Jovic piazza un parziale di 10-0 che fa riavvicinare le squadre, ma Ponitka e Hollins non ne vogliono sapere di perdere la partita e segnano negli ultimi minuti i canestri decisivi, per poi suggellare la vittoria dalla lunetta, la tripla finale di Jerebko serve solamente a ridurre lo svantaggio sul tabellone, il Khimki incappa così nella terza sconfitta consecutiva.

KHIMKI: Shved 30, Timma 17, Jerebko 10, Booker 8.
ZENIT: Thomas 20, Hollins 15, Ponitka 12, Iverson 9, Abromaitis 8.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.