L’Oldenburg scappa nel terzo quarto e supera Venezia

Coppe Europee Eurocup

EWE Oldenburg 98-87 Reyer Venezia

(24-20; 30-23; 27-20; 17-24)

 

Parte male l’avventura della Reyer Venezia nelle Top16. Dopo un primo quarto equilibrato, l’EWE scappa e consolida la vittoria nel secondo tempo. Timida reazione veneziana nel finale, che non basta: sontuosa la prova dell’austro-sloveno Rasid Mahalbasic.

Due triple consecutive di uno scatenato Watt aprono la gara (0-6). Tuttavia, Mahalbasic e Schwethelm piazzano un parziale di 11-0 che porta l’inerzia dalla parte dei padroni di casa: Venezia insegue per diversi minuti, a distanza di 4 o 5 punti, sorretta sempre da Watt e Daye; è proprio l’ex-Pesaro a siglare la tripla del nuovo -1 (18-17). Sul finire del primo quarto, Venezia ritrova il vantaggio con Tonut (19-20), ma un mini-parziale finale tedesco permette all’Oldenburg di terminare avanti i primi 10 minuti, sul 24-20.
Il secondo quarto parte sulla stessa riga del primo. L’EWE controlla a due possessi di distacco, Venezia prova a riavvicinarsi senza troppi successi. La Reyer riesce comunque a trovare il vantaggio con Vidmar (28-29), ma uno scatenato Mahalbasic la ricaccia a -7 pochi possessi dopo (41-34). Il parziale di 13-5 guidato dall’austro-sloveno sposta l’inerzia totalmente dalla parte dell’Oldenburg, che raggiunta la doppia cifra di vantaggio chiude il primo tempo sul +11 (54-43, con un canestro di Moore).

Il terzo quarto è praticamente a senso unico. Venezia non è assolutamente presente, e due sanguinose palle perse portano i tedeschi sul +16 (61-45). Una pioggia di triple si abbatte quindi sui lagunari: Schwethelm e Hobbs allungano il distacco a 20 lunghezze (69-49), senza che la formazione ospite riesca a reagire. Un tecnico a Watt sul -23 (77-54) a 12 minuti dalla fine sembra scrivere la parola “fine” sulla gara. Una tripla di Tonut, sul finire del terzo quarto, cerca di tenere accesa una fievole speranza per la Reyer. Si va all’ultimo riposo sull’81-63.
Tuttavia, l’EWE rientra in campo sugli allori, e Venezia cerca di approfittarne, migliorando le sue percentuali. Quattro triple in fila, completate da un gioco da tre punti di Stone, riportano gli ospiti sul -9(89-80) a meno di 5 minuti dalla fine, mettendo paura ai tedeschi. Ma il solito Mahalbasic, autore di una prova monumentale, caccia via ogni fantasma: l’Oldenburg torna sul +15 (95-80) e riagguanta la gara. Termina 98-87.

EWE Oldenburg: Moore 3, Hobbs 14, Sears 10, Tadda 5, McClain 2, Amaize 5, Mahalbasic 25 (12/14 dal campo, 14 rimbalzi), Schwethelm 8, Larson 7.

Reyer Venezia: Udanoh 0, Stone 13, Bramos 14, Tonut 12, Daye 5, De Nicolao 7, Filloy 9, Vidmar 5, Chappell 6, Mazzola 5, Watt 11.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.