shields milano

L’Olimpia Milano non molla di testa e batte il Partizan a domicilio

Coppe Europee Eurolega Home

PARTIZAN BELGRADO 75 – OLIMPIA MILANO 80

(27-17;22-24; 12-21; 14-18)

Una gara giocata a strappi in cui l’Olimpia Milano è stata brava a non perdere mai totalmente il controllo, riuscendo da rientrare da ogni assalto dei padroni di casa del Partizan Belgrado. Non basta una gran partita dell’ex, Leday, a cui risponde un ottimo Shields che trascina i suoi alla vittoria.

Un avvio tutt’altro che fluido per l’Olimpia Milano che, sin dai primi minuti, è costretta a fare i conti con le ottime giocate dell’ex Leday. Lessort e Madar piazzano il +10 ma Milano si sblocca finalmente con le due triple di Baron e quella di Thomas, sul bel lavoro dei lunghi, Voigtmann e Davies, tornando a -4. Sono ancora i tiri dalla lunga distanza e un po’ di fortuna però a riportare il Partizan sul 27-17 con cui si chiude il primo quarto.

La seconda frazione inizia con tutto un altro ritmo: la difesa dell’Olimpia Milano diventa decisamente più convincente e l’attacco trova la sua chiave in Davies che riporta i suoi a -1. I padroni di casa subiscono ma l’impatto di Anjusic in campo è devastante con 2/2 da dietro l’arco. Questo arrugginisce ancora la concentrazione di Milano che ritrova il canestro con Melli ma Madar è un cecchino. La tripla di Tonut chiude il primo tempo 49-41.

Nella ripresa l’Olimpia Milano lavora meglio in transizione, rifacendosi prima sotto e poi sorpassando, grazie a Shields e Pangos. Leday spezza il parziale di 0-9 e si carica sulle spalle tutto l’attacco serbo. Arriva la risposta dai 6,75 di Melli e Baron che vale il +3.  Ancora Leday a muovere il punteggio: il terzo quarto termina 61-62.

L’inizio di ultimo quarto è una fotocopia del primo con il Partizan che si affida a Leday e agli extra possessi guadagnati da Lessort per piazzare il 10-0. L’Olimpia Milano si sblocca con il viaggio in lunetta di Davies e la tripla di Shields. Exum è bravo a tenere i suoi avanti di due possessi ma Pangos punisce dalla lunga distanza. Milano è precisa nei tiri liberi, riportandosi avanti, e ne approfitta per deconcentrare l’attacco dei padroni di casa che commettono errori fatali. Pangos appoggia al ferro il +5 a 17” che varrà la vittoria in trasferta dell’Olimpia Milano perché Leday stavolta sbaglia. Termina 73-78.

TABELLINI:

PARTIZAN BELGRADO: Vukcevic n.e., Leday 23, Koprivica n.e., Punter 7, Papapetrou 5, Exum 7, Nunnally 2, Glas n.e., Lessort 12, Trifunovic, Andjusic 9, Madar 10. Coach Obradovic.

OLIMPIA MILANO:  Davies 15, Thomas 3, Pangos 12, Tonut 3, Melli 7, Baron 10, Ricci n.e., Biligha n.e., Hall, Shields 25, Hines, Voigtmann 5. Coach Messina.

Clicca qui per il boxscore completo.

Foto: Olimpia Milano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.