Llull e il Real Madrid sono glaciali, Olympiacos battuto dopo un overtime

Coppe Europee Eurolega Home

OLYMPIACOS PIREO-REAL MADRID 82-86
(12-12, 18-19, 21-18, 18-20, 13-17)

Senza Printezis l’Olympiacos cade in casa dopo un Overtime contro il Real Madrid, dopo una partita sempre in equilibrio e decisa solo negli ultimi possessi del supplementare. Llull decisivo nel finale con una tripla che spezza una parità nel punteggio mantenuta anche nei 5′ aggiuntivi.

Avvio a ritmi blandi da entrambi i lati del campo con una lunga fase di studio da parte del Real Madrid che chiude l’area impedendo ai padroni di casa di arrivare facilmente al ferro: botta e risposta dalla lunga distanza tra Laprovittola e Papanikolaou per un equilibrio stabile fino alla fine del primo periodo (12-12). Il copione non cambia all’inizio del secondo quarto, con tanti errori da una parte e dall’altra, con ritmi bassi e nessuna delle due squadre che sembra intenzionata a correre più di tanto. Un primo sussulto arriva a 5′ dall’intervallo lungo: Hassan ed Ellis portano i greci sul +8, sfruttando un blackout offensivo dei blancos. Caseaur dall’arco sblocca i suoi che rientrano con Lull e con Fernandez da tre punti mettono la testa avanti dopo i primi 20′, conducendo 30-31. Randolph apre il secondo tempo ma è poi costretto a lasciare il campo zoppicando dopo un avvio forte da parte del Real che prova a scappare con un mini-parziale di 8-0. La squadra di Bartzokas però dimostra solidità e in un amen rientra sul 39 pari a metà del terzo periodo. La squadra greca è in fiducia e riesce con continuità a far male al Real Madrid, soprattutto in area: Martin con 5 punti in fila obbliga Laso al timeout obbligato, con il suo Real in difficoltà. L’Olympiacos, però, regala l’ultimo minuto del quarto al Madrid che con Carrol e Thompkins trova triple aperte tornando a -2 a 10′ dalla fine (51-49). In avvio di ultimo quarto il Real è una macchina da tre punti: due volte Carrol e Laprovittola puniscono la difesa biancorossa e in pochi minuti gli spagnoli si ritrovano sul +7. La partita, però, non trova un padrone: Sloukas trascina i suoi nel momento in cui il Real prova a mettere le mani sulla partita. Tripla del -2 dell’ex Fener a cui seguono due possessi frettolosi da parte di Lull e a 60″ dalla sirena il Real è ancora avanti ma solo di due lunghezze. Il finale è concitato: Carrol segna ma oltre lo scadere dei 24″, Sloukas fa 2/2 dalla lunetta (dopo un contatto con Lull) e impatta sul 69-69 ma poi è lo stesso playmaker dell’Olympiacos a sbagliare la tripla della vittoria senza riuscire ad evitare l’overtime. Anche i 5′ aggiuntivi non cambiano gli equilibri sul parquet: il Real con un gioco da tre punti di Tavares prova ad indirizzare la gara ma Martin con 5 punti consecutivi riporta la parità: 79 pari a 60″ dalla fine. Sloukas serve ancora Martin che in reverse segna il +2 per l’Oly ma dall’altra parte Llull è glaciale e dalla distanza punisce il ritardo difensivo della difesa greca a 14 secondi dalla fine portando Madrid sul +3. La lotteria dei tiri liberi non cambia le sorti dell’incontro: vince il Real Madrid 82-86.

OLYMPIACOS PIREO: Martin 18, McKissic 18, Sloukas 11

REAL MADRID: Laprovittola 19, Thompkins 15, Tavares 13

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.