Maccabi Tel Aviv senza pietà: in 30′ demolita l’ALBA Berlino

Coppe Europee Eurolega

MACCABI FOX TEL AVIV – ALBA BERLIN 104-78
(21-19/31-18/31-18/21-23)

Non c’è storia tra Maccabi Tel Aviv e ALBA Berlino, con i padroni di casa super vittoriosi sugli avversari, troppo acerbi rispetto all’esperienza di Wilbekin, Casspi, Black e compagnia. Due quarti da 12 lunghezze di distanza l’uno spengono ogni barlume di speranza dei tedeschi.

I locali fanno da subito gli onori di casa portandosi avanti di 10 punti in un amen. L’effetto “schiacciasassi” di Black, Wilbekin e compagni dura solo la prima metà di quarto; l’ALBA infatti riesce a recuperare per ben due volte, prima con il break di 0-7, poi con l’estro di Giffey, che vale il 19-19. L’ultimo tiro di Bryant decide la disputa al decimo minuto (21-19). Il Maccabi non vuole sorprese nel periodo successivo e cerca prontamente di spingere per il massimo vantaggio possibile prima della pausa lunga. Dorsey, Hunter e Bryant sono autori del 10-0 di parziale che apre la seconda frazione e costringe coach Garcia Reneses a chiamare un timeout che però non ha effetto sui suoi ragazzi. Ogni attacco teutonico viene respinto dai padroni di casa, bravi a tenere il ritmo gara. E nonostante i vari tentativi di ripresa l’inerzia è tutta israeliana, con Wilbekin e Black che segnano per il +19 momentaneo massimo vantaggio. Sikma e Giedraitis nel finale fanno quel che possono nel finale, che sorride agli uomini di coach Sfairopoulos (52-37).
L’onda d’urto del Maccabi Tel Aviv non intende placarsi neanche al rientro dalla pausa lunga. Forti del vantaggio i locali non abbassano la guardia e anzi ripropongo lo stesso ritmo partita del secondo quarto, mettendo in forte difficoltà gli ospiti. Salito in cattedra anche Casspi il vantaggio tocca i 28 punti di differenza con le triple di DiBartolomeo. Ogbe prova a rispondere ma ancora Dorsey e DiBartolomeo firmano l’ennesimo parziale a favore, questa volta in chiusura di quarto e, virtualmente, anche in chiusura di gara (83-55). Nell’ultima frazione non c’è più nulla da giocare alla Nokia Arena. C’è spazio per le seconde linee, mentre DiBartolomeo si sblocca definitivamente alla ricerca del massimo stagionale. Cavanaugh segna per le statistiche l’undicesimo punto, mentre il cronometro scorre e il tabellone amico dice 102 punti con la tripla di Wolters. L’ALBA si toglie una piccolissima soddisfazione vincendo l’ultima frazione con i canestri di Siva e Cavanaugh ma è tutto inutile ai fini di una partita già chiusa e che volge al termine solo alla sirena nel tripudio casalingo (104-78).

MACCABI FOX TEL AVIV: DiBartolomeo 19 – Wilbekin 16 – Black 13

ALBA BERLIN: Siva 14 – Cavanaugh 14 – Giedraitis 12

fonte: trendsmap.com

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.