Micalich accusa l’AD di Jesi di essersi reso protagonista di fatti incresciosi nei confronti della terna arbitrale

Home Serie A2 News

Il General Manager Davide Micalich esprime il proprio pensiero il giorno dopo la rocambolesca sconfitta maturata sul parquet di Jesi e gli incresciosi fatti, ripresi dalle telecamere, che hanno visto protagonista più volte l’AD dell’Aurora Jesi Altero Lardinelli: “C’è ancora molta amarezza. Faccio pallacanestro da tanti anni e per fortuna continuo ad arrabbiarmi come una bestia quando la mia squadra perde contro una compagine che dovrebbe essere più debole della nostra, con tutto il rispetto per la Termoforgia che ha meritato di vincere. La squadra purtroppo non riesce ad avere continuità e dobbiamo assolutamente capire in tempi brevi quali siano i motivi di questi alti e bassi. Faccio una premessa: non guardo mai le designazioni arbitrali delle nostre partite perché ritengo che gli arbitri siano funzionali al gioco e quindi prima delle partite dedico le mie energie a squadra e allenatori per fare in modo che i ragazzi siano messi nelle condizioni ideali per scendere in campo per rendere al massimo. Vedere scene come quelli di ieri, purtroppo ripetute più volte, con vere e proprie aggressioni in mezzo al campo a danno degli arbitri, mi fa pensare che qualcosa non va bene. Ho grande solidarietà per la classe arbitrale che, per me, non influisce sul risultato delle partite. Siamo tutti funzionali al gioco, ognuno ha il suo ruolo e bisogna essere sinceri: il vero problema sta nella classe dirigenziale di cui anche io faccio parte. Dobbiamo farci tutti un bagno di umiltà e di coscienza, prenderci le nostre responsabilità e renderci conto che se vogliamo dare un futuro a questo gioco servono grandi imprenditori come Alessandro Pedone che investono risorse, entusiasmo ed energie nell’ambiente che amiamo. Ma poi servono bravi dirigenti che sappiano gestire queste risorse e facciano in modo che il problema non siano gli arbitri da rincorrere in mezzo al campo, bensì i giocatori che non fanno canestro. Il mio primo pensiero, quindi, è capire perché la mia squadra sia così altalenante, perché non riesca a mettere in campo tutti i cavalli del suo motore, perché non riesca a vincere tutte le partite, fermo restando il valore degli avversari. Il pensiero successivo, però, e’ fare in modo di non vedere più scene come quelle di ieri sera perche credo che non facciano bene allo sport, indipendentemente da chi ha vinto. Ognuno di noi deve impegnarsi a dare il buon esempio in un gioco di cui facciamo tutti parte. Il Questore di Udine, dott. Cracovia, prima del derby contro Trieste, in una riunione a cui abbiamo partecipato sia noi che i dirigenti di Trieste, ha voluto sottolineare come il daspo valga per tutti, tifosi ma anche giocatori e dirigenti. Se io a Udine facessi invasione di campo e rincorressi per quattro volte l’arbitro in mezzo al campo durante la partita, finirei in via Spalato, sarei messo in gabbia, e mia moglie dovrebbe portarmi le arance. Allora, se esiste questa regola del daspo, applichiamola. Perché quello che ho visto ieri è intollerabile e ha rovinato la partita, che comunque non avremmo meritato di vincere per l’atteggiamento che abbiamo avuto rispetto alla voglia messa in campo dai nostri avversari. Ma la gara è cambiata dopo questi episodi che nulla hanno a che fare con la pallacanestro. L’ambiente è diventato caldissimo: Raspino si è preso una pallonata in faccia e i nostri giocatori si sono sciolti come neve al sole. Deve esserci equità sportiva: a Udine sono obbligato a convocare almeno 40 steward a partita, abbiamo telecamere a circuito chiuso in tutto il palazzetto e faccio fatica a spiegare al mio presidente che è giusto così. La prossima volta che il mio Presidente a fine partita entrerà in campo a protestare con conseguente multa non lo bloccherò, tanto vale. Le regole devono essere uguali per tutti e vinca il migliore. Se io metto 40 steward a Udine e una persona entra in campo viene subito bloccata. Da uomo di sport sono molto dispiaciuto e ribadisco la massima solidarietà verso la classe arbitrale. Detto questo, guardiamo avanti e tuffiamoci nella Coppa che proveremo a vincere”.

Questa l’intervista integrale al  GM di Udine:

Fonte: Ufficio Stampa Apu Udine

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.