Mike Conley: “Gasol e Fizdale avevano le loro differenze, io facevo da mediatore”

Home NBA News

E’ ormai passato qualche giorno dall’esonero di coach David Fizdale, il primo della stagione NBA, ma i risultati dei Memphis Grizzlies non sono migliorati: tre sconfitte su tre, due contro gli Spurs e una contro i Cavaliers, e striscia di 11 L consecutive ancora aperta. Mike Conley, che è indisponibile da qualche settimana, ha parlato del momento dei Grizzlies e del licenziamento di Fizdale, che molti hanno imputato al cattivo rapporto con la stella Marc Gasol.

Fizdale e Gasol avevano le loro differenze, in diversi momenti dell’anno. Succede con tutti i coach. E’ capitato che il loro rapporto non fosse al meglio nel momento in cui ci serviva, specialmente quando il microscopio era su di noi perché perdiamo le partite. Sfortunatamente si è arrivati a questo punto. Il mio secondo lavoro è di fare da mediatore per tutti. Sono uno psicologo part-time, stavo proprio cercando di sistemare le cose tra loro due per far andare tutto in una buona direzione, lo faccio con tutti in squadra. Ho parlato con Marc per tutto il tempo, mi sedevo di fianco a lui in panchina per incoraggiarlo. Gli ho detto che cose del genere succedono, di non esagerare nella reazione e di concentrarsi solo sulla squadra.

Conley inoltre, sul fatto che Gasol fosse stato panchinato nel quarto periodo della gara contro i Nets (l’ultima di Fizdale prima dell’esonero), ha aggiunto:

Non voglio mentire, in quel momento ero un po’ confuso. Pensavo a quanto fosse importante quella gara per noi, era possibile vincerla. Tutti quei pensieri erano nella mia mente, guardavo la panchina e Marc era ancora seduto lì.

Francesco Manzi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.