Milano-Brescia: le parole nel post partita dei coach Pianigiani e Diana

Serie A News

SIMONE PIANIGIANI (FONTE: Ufficio Stampa Olimpia Milano):Ripeto quello che ho detto due giorni fa grazie a ragazzi che hanno l’atteggiamento giusto. Eravamo senza Gudaitis e Nedovic l’abbiamo fermato per smaltire i carichi delle ultime partite. Sono giorni particolari ma il livello di attenzione dei ragazzi è stato alto. Jerrells è in condizioni migliori ma dovevamo metterlo in ritmo giocando ed è normale che ora faccia meglio. Questo vale anche per Della Valle e per Nedovic. Oggi volevo risparmiare un po’ Mike James e gli avevo chiesto di farsi carico della partita e lui l’ha fatto. Ho chiamato il primo time-out dopo 100 secondi perché siamo andati avanti e indietro giocando liberi come se fosse una liberazione dopo la partita tattica giocata con Varese. Non volevo andare sotto di 10 e dover rimontare. Ho fatto presente questo ai ragazzi. Su Tarczewski dico che contro Varese non è che non abbia tirato per qualche strano motivo ma perché loro hanno fatto determinate scelte tattiche e lui non aveva nessun tipo di spazio dentro l’area. Se Brescia avesse fatto le stesse scelte magari avrebbe avuto una partita da quattro punti e avrebbe giocato bene comunque. Alle volte dipende dagli avversari: Brescia è stata aggressiva sul pick and roll e lui è stato bravo a usare gli spazi, i compagni sono stati bravi a servirlo. Per me aldilà dei punti è importante che alla seconda partita in tre giorni si sia fatto trovare pronto come presenza fisica e mentale.

ANDREA DIANA (FONTE: Ufficio Stampa Basket Brescia Leonessa): Abbiamo cercato di contrastare la forza di Milano, soprattutto nella prima parte di gara, nella quale abbiamo avuto buone percentuali offensive. Alla lunga c’è mancata la durezza difensiva necessaria ed è ciò che ha reso incolmabile il divario con i nostri avversari. Le energie ci hanno abbandonato minuto dopo minuto, direi che abbiamo pagato anche lo sforzo fatto a Cremona tre giorni fa. La capacità di attaccare il canestro e costruire tiri aperti sono stati note positive: Milano però ha una forza superiore al resto delle squadre in Serie A e lo ha dimostrato anche stasera. Non dobbiamo fare drammi, ma semplicemente rimetterci a lavoro e cercare di ricreare un assetto giusto con i nostri nuovi equilibri, registrando in particolare l’intensità difensiva.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.