Milano dura un tempo, nel terzo quarto sparisce e l’Efes meritatamente vince e la elimina dall’Eurolega

Coppe Europee Eurolega Home

EFES ISTANBUL – OLIMPIA MLANO 101-95

(24-20; 18-33; 32-16; 27-26)

Un terzo quarto orribile di Milano cancella quanto di buono fatto nei primi 20′ di gioco dai biancorossi che erano andati all’intervallo sopra di 11, venendo rimontati e sorpassati da un Efes tutto cuore e orgoglio, che ha giocato la sua onesta partita fino in fondo, ottenendo un altro successo. L’Olimpia esce male, malissimo per come aveva approcciato la gara, surclassata da Pleiss e Micic prima, e Moerman e Larkin dopo, con buchi difensivi assurdi per una squadra che si sta giocando i playoff. Termina qui l’Eurolega di Milano, e il mancato raggiungimento della post-season, con questo roster, rappresenta sicuramente un grande rammarico per Pianigiani e i suoi ragazzi. Efes che invece arriva come meglio non si può ai playoff, dove si candida a grande outsider.

Inizio di gara estremamente equilibrato da ambo le parti, James e Micic guidano l’attacco aiutati ottimamente dai loro pivot su ambo i lati, con Milano che trova il vantaggio col 2+1 di Micov che vale l’11-10 a metà periodo. Micov prosegue con la bomba, Nunnally recupera palla e Brooks inchioda il +6 che obbliga Ataman a fermare la gara. 9-0 in uscita con Dunston a farla da mattatore, che diventa 12-0 e +6 Efes con Milano in evidente difficoltà, quando Omic sblocca il punteggio per i suoi, col primo periodo che termina 24-20 in favore dei padroni di casa. Brooks con la tripla sigla subito il meno 1, Milano difende bene per due azioni e un sorprendente Omic con un bel gancio piazza il 27-26; Larkin infila una gran bomba ma Kuzminskas risponde per il +3 Olimpia, e Milano continua a difendere fortissimo anche con i suoi piccoli, infilando due bombe di fila con Nedovic e Nunnally che portano i biancorossi sul 40-31, e nuovo minuto Efes. Sanli entra in campo e trova 7 punti che impauriscono Milano, ma il finale di tempo è tutto di Mike James: prima propizia il canestro di un ottimo Omic, e poi infila il buzzer da 9 metri che vale il +11 (53-42) con cui si va al riposo. Due bombe di Micic valgono il 48-57 che riavvicina i turchi, James trova un bel canestro ma l’Olimpia ha iniziato la ripresa in palese difficoltà, e difatti il solito Micic, Beaubois e Simon costruiscono il parziale che porta l’Efes fino al meno 3, portando Pianigani finalmente a chiamare un minuto forse troppo ritardato. Nunnally con la tripla blocca l’emorragia milanese, ma l’Efes è in completa fiducia, Pleiss dentro l’area prima impatta e poi supera sul 68-66; Nedovic risponde con una gran tripla ma u ìn 2+1 sulla sirena di Beaubois val il 74-69 con cui finisce il terzo periodo. Pleiss e Nedovic si scambiano un paio di canestri, ma Milano non riesce a recuperare punti, scivolando addirittura sul meno 9 sull’ennesimo appoggio facile del tedesco nel pitturato. Kuzminskas con due ottime giocate infila il meno 4, Moerman risponde ma un James sonnecchiante trova la penetrazione del meno 2 (84-86) con Ataman a fermare il tempo. Larkin piazza un clamoroso gioco da 4, ma Kuzminskas risponde ancora una volta e Milano è sempre li a contatto; sempre Larkin però infila un’altra tripla siderale per il +7 Efes, Tarczewski risponde, ma Larkin e Moerman concretizzano dopo un dubbio sfondamento di James. Milano non ne ha più, e l’Efes chiude col punteggio di 101-95, eliminando Milano dai playoff di Eurolega.

EFES: Larkin 12, Beaubois 14, Saybir, Balbay, Sanli 7, Moerman 13, Tuncer, Pleiss 14, Micic 18, Anderson 3, Dunston 6, Simon 14

MILANO: Della Valle, James 17, Micov 14, Tarczewski 11, Nedovic 16, Kuzminskas 14, Cinciarini, Nunnally 10, Burns, Brooks 7, Jerrells, Omic 6

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.