Milano non brilla, ma il derby è suo: Cantù sconfitta al Forum

Home Serie A News

OLIMPIA MILANO 70-57 PALLACANESTRO CANTÙ

(26-14; 12-14; 15-12; 17-17)

Cantù sogna l’impresa, ma nel finale manca la fortuna. Il tiro da oltre l’arco non sorride alla compagine di coach Pancotto, assente per Covid-19 insieme al suo staff, che cede contro una Milano non brillante ma comunque cinica e solida nel finale.

Primo quarto che inizia con Cantù che cerca di dire la sua: pronti via e si ritrova a +4 (2-6) con una schiacciata di Procida. Lo stesso Procida gara firma in maniera analoga il 9-10, in un momento di stagnazione offensiva di entrambe le squadre, ma la successiva tripla di Datome (12-10) mette definitivamente in gara Milano. L’Olimpia costruisce un primo parziale, toccando il +13 con Moraschini (25-12), e il primo quarto si chiude 26-14.
Gli uomini di Messina continuano nel buon momento, volando a +15 (29-14) sempre con Moraschini. L’Olimpia tocca anche il +16, ma dal 34-18 si ferma del tutto, permettendo a Cantù di riaprire la gara nonostante diverse occasioni non concretizzate. Pecchia e Procida mantengono comunque gli ospiti in scia, e le squadre vanno a riposo sul punteggio di 38-28.

Nel terzo quarto, Cantù riesce a tornare sotto la doppia cifra di svantaggio, toccando il -8 (38-30) con Bayehe. L’Olimpia ricaccia indietro gli avversari con la tripla di Rodriguez (unica in una gara pessima), ma non riesce a costruire l’allungo definitivo fino al +18 (52-34) firmato da Moraschini, dopo qualche azione in cui Cantù non è riuscita a trovare il canestro. Il distacco sembra decisivo, e Milano alza il piede dall’acceleratore: così facendo permette il rientro di Cantù, che con due triple consecutive di Johnson si riporta a -13 (53-40) quando manca l’ultimo quarto.
Milano cerca di reggere il tentativo di rientro, costruendosi un vantaggio che sembra (nuovamente) tranquillo, con il +16 (58-42) firmato in contropiede da Rodriguez. Comincia quindi la grande rimonta canturina: Kennedy inizia, Thomas rifinisce con la tripla del -9 (58-49) e con il canestro e fallo antisportivo subito l’azione successiva, commesso da un Rodriguez paurosamente spaesato e fuori forma. Johnson chiude l’opera con il canestro dell’incredibile -5 (58-53). L’Olimpia non si scompone, e già dall’azione dopo cerca di rimettere la gara in riga, con la tripla di Brooks del nuovo +8. Gli ospiti non riescono più a segnare, e Milano azione dopo azione piazza i punti decisivi per eliminare la paura: la tripla del +13 di Moraschini chiude la gara, questa volta definitivamente. Il punteggio finale è 70-57.

OLIMPIA MILANO: Punter 4, LeDay 9, Moraschini 10, Roll 1, Rodriguez 5, Tarczewski 4, Biligha 2, Shields 12, Brooks 11, Datome 12.

PALLACANESTRO CANTÙ: Thomas 9, Smith 7, Kennedy 8, Procida 8, Leunen 0, La Torre 0, Lanzi 0, Johnson 10, Bayehe 12, Pecchia 3, Bresolin 0.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.