Milano – Panathinaikos, pagelle: deludono James e Nedovic, Calathes la spiega, non basta Kuz

Coppe Europee Eurolega Home

OLIMPIA MILANO

Della Valle n.e.

James 5,5: il suo lo fa sempre ma ancora una volta arriva “spremuto” ai momenti decisivi dell’incontro, con un atteggiamento corporeo che lascia decisamente perplessi e un paio di perse sanguinose.

Micov 6: non dà l’idea di essere brillantissimo dal punto di vista fisico e non è troppo continuo nell’arco dell’incontro, qualche giocata da “professore” tiene a galla l’Olimpia nel terzo periodo.

Tarczewski 5,5: i due falli commessi in pochissimi minuti lo mandano fuori dalla partita, in difesa si arrangia discretamente ma di fatto dal punto di vista offensivo non entra mai nel match.

Nedovic 5,5: è vero che non viene chiamato un singolo gioco per lui però da un giocatore del genere ci si aspetta un po’ più spirito d’iniziativa, soprattutto in gare così importanti. Si riscatta parzialmente nel finale, con James in panchina, ma quando ormai è troppo tardi.

Kuzminskas 6,5: prova tanto positiva quanto silenziosa, non è un giocatore appariscente ma stasera è sempre al posto giusto nel momento giusto.

Cinciarini n.e.

Nunnally 6-: sembra non averne nelle gambe per concludere come sa, soprattutto con il passare dei minuti, prova comunque a mettersi al servizio della squadra per fare tante altre cose utili.

Burns 6: sufficienza sulla fiducia, dato che nei circa 3′ che gioca non dispiace affatto pur commettendo due falli che gli costano la panchina per tutto il resto della gara.

Brooks 5: che non sia un momento eccezionale per lui si era capito, prova a mettere una pezza alla coperta corta milanese giocando anche qualche minuto da centro ma Kuzminskas lo scavalca (giustamente) nelle gerarchie.

Jerrells 5,5: qualche buona giocata riesce a piazzarla ma non dà mai l’impressione di riuscire a stare nel sistema, nel computo totale fa più danni che cose discrete, mandando spesso fuori giri la squadra.

Omic 5: tanta buona volontà ma quando gioca lui Milano attacca in quattro, impensabile praticare questo sport senza neanche guardare mai il canestro.

Coach Pianigiani 5: poche discussioni sul fatto che James sia un fenomeno ma affidandogli in esclusiva le responsabilità offensive si rischia di pagare dazio quando incappa in una serata solamente normale, soprattutto se lo si lascia in campo a prescindere. E siamo così sicuri che Burns e Della Valle siano inadeguati a questo livello, anche quando gli avversari schierano Gist da centro?

Panathinaikos: Thomas 6, Langford 7, Papagiannis 5.5, Papapetrou 6.5, Gist 6.5, Vougioukas s.v., Lekavicius s.v., Kilpatrick 7, Lojeski 5.5, Calathes 7.5, Antetokounmpo s.v., Mitoglou 5.5. Coach Pitino 7.5.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.