Milano, tanti addii e tanta voglia di rinnovarsi

Home Serie A News

L’Olimpia Milano ha già avviato la programmazione tecnica per il 2019-2020 in attesa di capire a chi sarà affidata la responsabilità gestionale del club in futuro. Livio Proli, infatti, dovrebbe lasciare a breve il Gruppo Armani mantenendo però il ruolo di presidente dell’Olimpia fino al 31 dicembre in attesa di intraprendere poi una nuova avventura nel mondo della moda.

Nel frattempo la società milanese, dopo la cocente sconfitta maturata ieri sera contro la Dinamo Sassari, ha già cominciato a sondare il mercato straniero alla ricerca di un playmaker da affiancare a Mike James e di un’ala forte con spiccate doti atletiche e soprattutto con ingaggi dal prezzo inferiore rispetto a quello richiesto da Kuzminskas, che nelle ultime ore è stato accostato allo Zalgiris Kaunas. La continuità non sembrerebbe essere nemmeno la parola d’ordine di Curtis Jerrels (in scadenza contrattuale) ed Alen Omic (che ha possibilità di uscita dal contratto firmato con l’Olimpia). Da verificare anche le intenzioni di James Nunnally, che ha un contratto senza uscite ma che potrebbe guardare al mercato alla ricerca di una piazza più prestigiosa a livello europeo.

L’ormai quasi certa eliminazione contro Sassari potrebbe inficiare anche sulla guida tecnica della squadra, con il proseguo del rapporto tra la società e Pianigiani che diventerebbe un’ipotesi alquanto improbabile (nonostante il contratto scada al termine della prossima stagione). Se ciò dovesse verificarsi, tra le ipotesi che potrebbero prendere quota si troverebbero le piste straniere di David Blatt (vista la situazione dell’Olympiakos) e Xavi Pascal, oltre all’ipotesi meno probabile che porta il nome di Ettore Messina.

Fonte: Spicchi d’Arancia

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.