Milano-Torino, le pagelle: bene tutti i milanesi, Torino non pervenuta

Pagelle Serie A

OLIMPIA MILANO

James: 6,5. Gioca all’inizio, abbastanza per contribuire al continuo (unico e decisivo) strappo di inizio quarto. Chiude con 7 punti e 5 assist.

Fontecchio: 6. Preso dall’enfasi del momento, tenta troppo e qualche volta esagera. Poteva certamente approfittarne maggiormente per mettersi più in mostra, visto l’andamento della gara.

Lazzari: sv. Troppo poco per poter essere giudicato.

Tarczewski: 7. 16 punti, 100% dal campo, 8/8: difficile trovare un MVP nella gara, ma certamente il centro milanese ha lasciato un impatto decisivo all’interno della gara. Fa davvero quello che vuole, complice una difesa torinese assolutamente non pervenuta. Gara “macchiata” dai 5 falli.

Nedovic: 7. Artefice, forse il principale, dello strappo di inizio partita. 15 punti tutti da oltre l’arco (5/8), arrivati soprattutto a gara ancora aperta. Nel secondo tempo riposa il giusto. Bene i 5 assist.

Kuzminskas: 6,5. Anche lui fa il suo nella magistrale prova corale dell’Olimpia, specialmente nelle primissime battute. Chiude con 12 punti.

Cinciarini: 6. Incide poco, anche perché ci pensano già tutti i suoi compagni. Pecca un po’ per qualche persa di troppo, ma non sono abbastanza da meritare l’insufficienza.

Nunnally: 6. Milano non necessita del suo contributo questa domenica sera.

Burns: 6,5. Riesce, a differenza di altri con poco spazio generalmente, a mettersi in mostra. Gioca come secondo centro, e sfrutta la totale mancanza di difesa dell’Auxilium quando riesce. Non lascia, per motivi di centimetri, lo stesso impatto di Tarczewski.

Jerrells: 6. Copia-incolla con Nunnally.

Della Valle: 8. Ogni partita merita un suo MVP, e quello di stasera è Amedeo Della Valle. 21 punti, 5/8 da tre, 4 assist e 4 palloni recuperati: è il più costante dei milanesi all’interno della gara, presente dalle prime alle ultimissime battute.

 

AUXILIUM TORINO

Wilson: 4,5. Non pervenuto, assente ingiustificato. Da lui ci si aspettava certamente una prova di un altro impatto, ma in 20 minuti chiude solo con 2 punti e troppe leggerezze in difesa (come ogni suo singolo compagno di squadra).

Hobson: 6. Partita di alti e bassi. In difesa, come il resto della squadra (costante che tornerà in ogni commento, ma non si può fare altrimenti), lascia troppo. E’ tuttavia l’unico a cercare di impostare un gioco tra i giallo-blu (8 assist), ma la responsabilità non viene sempre retta nel modo giusto (6 perse).

Poeta: 5,5. Avrebbe potuto fare i più, anche perché l’Olimpia esce mentalmente dalla partita abbastanza presto.

Cusin: 4,5. Difensivamente non regge niente, offensivamente non dà alcun contributo. Probabilmente uno dei peggiori in campo per i suoi.

McAdoo: 5,5. Litiga un po’ con le percentuali (2/7 da due), e non riesce a contenere l’impeto avversario: non il peggiore, ma insufficiente.

Jaiteh: 6,5. Migliore in campo dei suoi: perlomeno, quello che concede in difesa lo restituisce in attacco. Chiude con la doppia doppia, 16 punti e 11 rimbalzi, con un ottimo 70% dal campo (7/10).

Portannese: 5,5. 2 punti e 2 perse nel poco spazio concessogli (9 minuti).

Moore: 6,5. Migliore dei suoi insieme ai Jaiteh, per cui vale lo stesso discorso: male in difesa, ma compensa offensivamente.

Cotton: 6,5. Discorso simile a Moore e Jaiteh; top scorer con 18 punti che servono a ben poco.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.