Milano tracolla nell’ultimo quarto, il Barcellona fa 10-3 e mantiene il primo posto

Coppe Europee Eurolega Home

Dopo la convincente vittoria esterna con il Khimki, l’AX Armani Exchange vola a Barcellona dove affronterà una delle principali favorite per la vittoria del torneo. I biancorossi, reduci dai 102 punti messi a referto a Mosca, proveranno l’impresa sul parquet del Palau Blaugrana contro quella che coach Messina ha definito <<una squadra di enorme talento>>. Il Barça arriva, invece, da una cocente sconfitta incassata contro l’Olympiakos e avrà certamente voglia di riscattarsi. Tra i grandi attesi di serata un posto speciale è riservato a Malcolm Delaney, ex blaugrana che sta facendo vedere grandi cose con la canottina dell’Olimpia. Milano dovrà fare particolare attenzione a Nick Calathes e Kyle Kuric, fin qui miglior tiratore da tre della competizione. Per uscire vincitori da questa sfida di alta classifica sarà fondamentale la difesa ed in particolare la voce rimbalzi, dato in cui l’Armani Exchange ha bisogno di migliorare.

 

Barcellona 87-71 AX Armani Exchange Milano

(23-15, 16-28, 21-18, 27-10)

Apre le danze il Barcellona con una schiacciata di Mirotic, dimenticato libero a centro area. I primi due possessi di Milano si trasformano in due palle perse e coach Messina decide di usare il primo timeout dopo poco più di un minuto. Partenza bruciante per i padroni di casa che prendono velocemente il largo, portandosi sull’11-0 dopo nemmeno tre minuti di gioco. Milano prova allora la mossa Kyle Hines, che trova i primi due punti per gli ospiti con un gran movimento sottocanestro. I biancorossi migliorano leggermente a livello difensivo e riescono a riportarsi momentaneamente sotto sull’11-7. Delaney subisce una leggera distorsione alla caviglia destra, fortunatamente non sembrerebbe nulla di troppo preoccupante ma il numero 23 viene comunque richiamato in panchina. I Blaugrana fanno valere la propria superiorità a rimbalzo e allungano nuovamente sul 16-7. Nel finale di primo quarto Milano difende bene e riesce a limitare i danni dopo l’avvio disastroso: alla prima pausa di gioco il tabellone luminoso segna 23-15 in favore dei blaugrana. Il secondo periodo inizia con una pesante palla persa del Barcellona (la settima) a cui segue uno stupendo tap-in di Brooks che vale un gioco da tre punti e che spinge Jasikevicius a chiamare timeout. Dopo soli due minuti di questa frazione di gioco torna in campo Delaney. L’Olimpia difende con grinta ma soprattutto migliora le statistiche a rimbalzo (merito di un grandissimo Hines), trovando anche più sicurezza in fase offensiva. Dopo poco più di quindici minuti di partita Milano trova il pareggio a quota 29 con una tripla di Micov, e coach Jasikevicius ferma nuovamente il gioco. Di rientro dal minuto, assistiamo ad uno spettacolare botta e risposta tra le due squadre con un livello di pallacanestro davvero alto. Alla fine riesce ad uscirne vincente l’AX Armani Exchange che tocca il massimo vantaggio con una tripla di Micov sulla sirena: si va alla pausa lunga sul punteggio di 39-43.

Al rientro dagli spogliatoi i padroni di casa alzano il ritmo e ritornano in parità a quota 43 nel giro di un minuto. La difesa blaugrana in un primo momento rallenta l’attacco milanese, ma l’Olimpia non si fa intimidire e riporta il punteggio sul 43-48 con un’altra importante tripla del professore. La partita è estremamente combattuta: l’attacco dell’Armani Exchange entra sempre più in ritmo, ma il Barcellona riesce a rimanere in corsa. A metà della terza frazione dell’incontro il punteggio è di 52 pari, a testimoniare quanto combattuta continui ad essere la partita. Quando mancano tre giri di orologio alla fine del periodo, Messina manda sul parquet Gigi Datome che mette qualche minuto nelle gambe in vista della sfida di martedì contro il suo Fenerbahce. La qualità di gioco continua ad essere decisamente elevata ed il terzo periodo si conclude con uno stupendo tap-in a due mani di Tarczewski che inchioda il punteggio sul 60-61. In apertura di ultimo quarto il copione non cambia, con entrambe le squadre che continuano a dare grande spettacolo. Con ancora oltre otto minuti sul cronometro, Milano si porta sul 60-64 con una fantastica penetrazione di Shields che significa nuovo timeout Jasikevicius. L’olimpia prende in mano le redini della partita grazie ad un’ottima difesa di squadra che manda in embolo l’attacco avversario. Il Barcellona rimane bloccato a quota sessanta per quattro minuti, prima che Davies infili il canestro del 62-67. Qualche forzatura di troppo dei biancorossi rianima il Barcellona e, nonostante il timeout chiamato da Messina, a meno di tre minuti dalla fine i padroni di casa infilano il sorpasso e si portano sul 70-69. I blaugrana si mettono a zona, mandando in difficoltà l’attacco milanese e mettendo a segno un parziale di 10-0 che significa 76-69. Negli ultimi due minuti l’Armani Exchange esce psicologicamente dal campo, con Calathes (18 assist questa sera) e compagni che conquistano due punti importanti. Il punteggio finale non testimonia quanto visto in campo: la partita è stata estremamente combattuta nonostante alla fine il tabellone segni 87-71.

 

Barcellona: Davies 21, Mirotic 19, Higgins 16, Abrines 7

AX Armani Exchange Milano: Delaney 23, Shields 12, Micov 11, Hines 10

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.