Milano vince ma non convince contro uno Zenit che tiene botta fino alla fine

Coppe Europee Eurolega Home

L’Armani Exchange, reduce dalla sconfitta subita in campionato contro la Virtus Bologna, proverà a rilanciarsi nella partita contro lo Zenit. I russi, attualmente ultimi nella massima lega europea, portano sulle spalle il peso di un record fortemente negativo: ben 12 sconfitte accumulate dopo le prime 16 partite. I pronostici sono a favore dei biancorossi, ma Milano non può permettersi di sottovalutare gli avversari.

AX Armani Exchange Milano 73-72 Zenit San Pietroburgo

(19-17, 22-24, 14-15, 18-16)

Le fasi iniziali del match sono favorevoli ai padroni di casa, che prendono subito un discreto vantaggio grazie a delle ottime giocate difensive. Milano vola subito sul 9-3, ma incontra una difficoltà: dopo soli tre minuti di gioco Rodriguez, con già due falli a carico, è costretto a lasciare il campo. Il pubblico del forum accoglie con un caloroso applauso il neoacquisto Sykes. Lo Zenit, trascinato dai canestri di Hollins, riesce ad accorciare leggermente le distanze riportandosi sull’11-8. I biancorossi riescono ad allargare nuovamente il divario a proprio favore ma nei minuti conclusivi del quarto commettono qualche leggerezza in difesa, e questo permette ai russi di infilare un miniparziale di 7 punti e di chiudere la prima frazione di gioco con sole due lunghezze di svantaggio: il punteggio parziale è di 19-17. Nei primi minuti del secondo periodo gli ospiti mettono il naso davanti per la prima volta sul 22-25, complice anche qualche piccola svista della terna arbitrale. La partita prosegue con uno scenografico botta e risposta tra le due squadre: ai canestri di Albicy rispondono le giocate di Micov e Brooks. A metà del secondo quarto gli ospiti sono ancora in leggero vantaggio sul 29-32. Qualche fiammata offensiva nei minuti finali del periodo permette ai padroni di casa di affacciarsi alla pausa lunga sul punteggio di 41-41.

L’avvio della seconda metà dell’incontro vede il ritorno sul parquet del Chacho Rodriguez, che riprende prontamente in mano le redini dell’attacco milanese. Lo Zenit prova a rispondere alle giocate dei biancorossi affidandosi all’esperienza di Ayon, ma i padroni di casa danno l’impressione di avere qualcosa in più rispetto agli avversari. Una tripla di Scola arrivata al minuto 5.25 del terzo periodo porta Milano sul 51-44, costringendo i russi al timeout. In uscita dal minuto gli ospiti infilano un miniparziale di 4-0 che induce Messina a chiamare un controtimeout. Lo Zenit allunga il parziale raggiungendo nuovamente la parità a quota 51. L’Olimpia pone fine alla carestia di punti, ma i russi effettuano il sorpasso e chiudono la terza frazione di gioco in vantaggio sul 55-56. In avvio di ultimo quarto entrambe le squadre entrano in embolo, con il punteggio che rimane bloccato sul 55-56 per oltre due minuti. A interrompere questo momento di stallo ci pensa della Valle, con gli avversari che rispondono colpo su colpo. I biancorossi tentano di spaventare gli avversari con due spettacolari triple del solito Rodriguez, ma lo Zenit continua a resistere mantenendo la situazione in perfetta parità a quota 65 con quattro minuti da giocare. Nel finale di partita il punteggio volge a favore dei padroni di casa che hanno il merito di commettere pochi errori dalla lunetta, a differenza dei propri rivali. Allo scadere dei quaranta minuti il tabellone luminoso segnala HOME 73-72 GUESTS. Per l’Olimpia si tratta della nona vittoria in questa regular season di Eurolega, un risultato molto importante in chiave playoff.

AX ARMANI EXCHANGE MILANO: Micov 13, Tarczewski 11, Scola 10, Gudaitis 10, Rodriguez 8, Sykes 7, Moraschini 5, Roll 2, White, Brooks 4, Biligha NE, Della Valle 3.

ZENIT SAN PIETROBURGO: Ayon 15, Hollins 14, Albicy 12, Thomas 11, Iverson, Renfroe NE, Pushkov, Khvostov 7, Trushkin 5, Zubkov, Abromaitis 6, Ponitka 2.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.