Missione compiuta per la Virtus: seconda vittoria in trasferta e Casale eliminata

Serie A2 Recap

Novipiù Casale Monferrato – Segafredo Bologna: 54-70

(15-25¸21-39; 36-55; 54-70)

Seconda vittoria consecutiva in trasferta per la Virtus che scaccia i fantasmi nati dopo gara-2 e strappa il biglietto per i quarti di finale. Bologna ora attende Roseto, con la serie che prenderà il via domenica 14 maggio al PalaDozza. Proprio nella sua nuova casa Ramagli spera di incontrare meno difficoltà e di non subire il fatto di avere due partite interne consecutive, conseguenza che porta la squadra col fattore campo ad avere maggiore pressione data l’impossibilità di sbagliare uno dei primi due confronti per non trovarsi spalle al muro. Paradossalmente la Virtus è andata decisamente meglio in trasferta, con anche la gara di oggi condotta dall’inizio alla fine, e addirittura maggiore convinzione rispetto a venerdì. A Casale non è stato lasciato spazio a repliche e i piemontesi hanno salutato la stagione schiacciati dai bianconeri. Ora per la Junior inizia il periodo delle difficili trattative per i rinnovi, sapendo che in ogni modo c’è un nucleo di giovani interessanti da cui ripartire. Per la Virtus invece inizia ora il bello: l’inserimento sempre più marcato di Gentile ha portato con se la piacevole riscoperta di Penna, mentre saranno da rivalutare Spissu (fisicamente) e Bruttini (mentalmente).

Tornando alla gara odierna, la Virtus mette subito in chiaro la volontà di chiudere la serie ed evitare le scomodità di una gara 5 e aggredisce Casale fin dal primo possesso. Con Gentile in quintetto (problema alla coscia per Spissu, non verrà rischiato oggi) e la guida di Rosselli (6 punti nel primo periodo), Bologna si mette subito al comando e solo un gioco da 4 di Blizzard tiene la Junior in vita per il 15-25 al 10’. Con il risveglio di Lawson e l’ottimo impatto di Penna (7 punti nel quarto) gli ospiti allungano ulteriormente, mentre la Novipiù sprofonda con le difficoltà di Tommasini e Tolbert cartina di tornasole del momento della squadra. All’ intervallo quindi è inevitabile il 21-39 emiliano. Dopo la pausa lunga Casale si gioca il tutto per tutto, aumentando l’intensità e con Severini a trovare canestri importanti. Dall’altra parte pero Ndoja si dimostra infallibile e rispondendo colpo su colpo ricaccia indietro i rossoblu, fissa il 36-55 al 30′. In avvio di ultima frazione Di Bella prova a trascinare i suoi e in un amen la Junior riapre la partita, tornando a -10. Serve un 5-0 di Lawson e Gentile per spegnere sul nascere le velleità piemontesi, e con le gambe spezzate dall’ uno-due bianconero i padroni di casa fanno calare il sipario sulla serie. Blizzard è l’ultimo ad arrendersi, ma Bologna è ormai in totale controllo. Quando anche l’italo-americano commette il quinto fallo a 1.45 dal termine, la partita quasi si interrompe per accompagnare la sua uscita dal campo con l’ovazione e i saluti. Finisce 54-70, e mentre la Virtus si gode il passaggio del turno per Casale arriva l’invasione pacifica e l’abbraccio di tutto il pubblico piemontese in un bellissimo spot per il basket e lo sport in generale.

Casale Monferrato: Denegri 4, Tolbert 10, Blizzard 13, Severini 5, Natali 3, Bellan n.e., Martinoni 4, Tomassini 6, Di Bella 9, Ielmin n.e., Nikolic 0, Valentini 0 .

Virtus Bologna: Spissu n.e., Umeh 9, Gentile 7, Spizzichini 2, Ndoja 14, Rosselli 14, Michelori 1, Oxilia n.e., Penna 10, Lawson 12, Bruttini 1, Pajola 0 .

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.