irving

NBA – Kyrie Irving rompe il silenzio: “Non sono un criminale, ognuno fa ciò che ritiene meglio”

Home NBA News

Per la prima volta in assoluto Kyrie Irving ha commentato la propria situazione e la scelta di non vaccinarsi contro il Covid-19. La stella dei Brooklyn Nets, messa fuori squadra e in rotta a tal punto con la franchigia che non gli verrà offerto il rinnovo, ne ha parlato in live su Instagram, in maniera indipendente. Irving ha ovviamente giustificato la propria decisione, che continua ritenere molto personale. La posizione del giocatore, ha ribadito lui stesso, non sarebbe di avversità ai vaccini in generale, bensì di “incertezza”, qualcosa che vorrebbe fosse rispettato.

“Sto con chiunque creda in ciò che è giusto. Ognuno dovrebbe poter fare ciò che ritiene giusto per sé stesso. Vedo che queste questioni stanno dividendo il mondo… È triste, la gente sta perdendo il lavoro per l’obbligatorietà del vaccino” ha detto Irving. Che poi ha proseguito: “Non si tratta di essere contro i vaccini. Si tratta di ciò che penso sia meglio per me. Io mi sento incerto ed è perfettamente ok. Conosco le conseguenze a cui vado in contro. È un periodo storico pazzesco… Non ho fatto del male a nessuno, non ho commesso alcun crimine. Se tu vuoi vaccinarti, va benissimo, sono con te. Devi fare ciò che ritieni meglio per te stesso. Io continuerò a pregare per coloro che hanno perso delle persone a causa del Covid”.

Una posizione non troppo diversa da quella che era circolata nei giorni scorsi. Irving non sarebbe dunque contro la scienza, ma vorrebbe ergersi a paladino dei più deboli, in difesa di coloro che “non hanno una voce” sulla questione. Vuole cioè essere la “voice for the voiceless”, com’era stato menzionato. Questa decisione gli costerà diversi milioni di dollari, ma lui ne è pienamente consapevole.

Irving ha anche risposto alle persone che lo stanno sbeffeggiando e insultando, sia sui social che nei media: “Questa gente è fuori strada. Mi chiamano stupido, e altri diversi epiteti. Ma non mi dicono mai queste cose in faccia. Continuano a giocare col mio nome… Senza che io abbia parlato? Sono tutti delle marionette! Una cosa che non tollero è rimanere impassibile mentre intorno a me c’è chi fa qualcosa che è molto discutibile”.

In ultimo, ma comunque molto importante: Irving ha smentito di volersi ritirare. La possibilità che appendesse le scarpette al chiodo era stata menzionata più volte, soprattutto in relazione ad un’eventuale trade che lo potesse portare lontano da Brooklyn. “Nessuno può togliermi il potere di parlare in prima persona di queste cose. Non credete che io mi stia ritirando. Non credete che lascerò il basket per un vaccino obbligatorio o perché voglio restare non vaccinato. Non credete a tutta quella m***a” ha dichiarato Kyrie Irving.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.