NBA MVP ladder: Curry è andato via, ma il gruppone insegue

Ladder NBA
bet com
bet com

Curry sta travolgendo la lega, sta stravolgendo il modo di giocare, sta travolgendo le statistiche, ma soprattutto sta stravolgendo la normale concezione degli indicatori di performance.

Usualmente ci soffermiamo a dire quanto sia bravo Curry a tirare, a come la passi divinamente, a come sappia inventare giocate che nessuno vede, a come esalti tutti i suoi compagni, a come sta cambiando il gioco nel senso più qualitativo del gergo, ma signori qua bisogna sottolineare che il numero 30 di Golden State sta andando oltre:

Indicatori di performance che favoriscono i lunghi e le ali piccole, che vedono primeggiare Curry del 25% in media rispetto ai primi 16 giocatori della lega (obiettate o meno il campione)  e del  32,5% rispetto alla media tra Westbrook, Lowry, Wall e Paul.

I  numeri del playmaker degli Warriors fanno paura e si stanno ridimensionando causa infortuni, ma detto questo passiamo agli inseguitori:

  • Da quando Durant è tornato, lui e Westbrook si sono ri-trasformati in due dei 5/6 supereroi della lega, Oklahoma vince (non difendendo…) e i numeri dicono che ad ovest bisognerà vedersela, fondamentalmente, con loro 2 per pensare di vincere il titolo;
  • Davis, così come Griffin, Cousins e Drummond si avvantaggiano molto dei rimbalzi nella stima dell’efficienza, ma rimangono autentici dominatori del pitturato ed ormai anche della media e della lunga distanza (escluso il Pistons);
  • Nel listone abbiamo anche messo i soliti LeBron, Harden che portano avanti i carretti delle proprie squadre da ormai due anni senza sosta, con discreti risultati;
  • Poi veniamo agli idoli delle masse: Green, Butler, Millsap, George e Leonard, autentici fenomeni che in modo diverso rappresentano il simbolo perfetto della loro squadra;
  • Una menzioncina la diamo anche ai playmaker, che oltre a prendere delle differenze statistiche da Curry abbastanza pesanti, stanno giocando ad altissimo livello trascinando le proprie squadre in zona play-off: Rondo, Paul, Wall e Lowry.

Vi lasciamo con due tabelle esplicative, con dati presi dal sito NBA:

mvppefficie

 

  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.