NBA Numb3rs: Thomas, Towns, Antetokounmpo e il solito Westbrook i protagonisti

Home NBA

Dall’inizio della stagione un uomo su tutti è al comando della lega, magari non dal punto di vista dei risultati ma certamente da quello mediatico. Questo ruolo sarebbe dovuto essere del suo ex compagno Kevin Durant, ma Russell Westbrook ha deciso di far diventare questa stagione una stagione storica e, probabilmente, lo ha deciso proprio a causa di KD. Ci ritroviamo per l’ennesima settimana a parlare di lui, ma sarebbe impossibile snobbarlo. 

davis

5. Le triple doppie consecutive realizzate da RW0, ma anche le vittorie consecutive dei suoi Thunder. Nella storia, prima di lui, solo Michael Jordan, Wilt Chamberlain e il solito Oscar Robertson ci sono riusciti, ma ricordiamo ancora una volta che Chamberlain e Robertson giocavano in una lega completamente diversa rispetto all’NBA di oggi.

63.8% Si tratta della percentuale reale di tiro (attribuisce maggior valore al tiro da tre punti) di Kevin Durant prima delle ultime due partite. Attualmente la percentuale è scesa al 62.4%. Se Durant dovesse riuscire ad incrementarla nuovamente di un punto percentuale diventerebbe il giocatore in grado di segnare almeno 25 punti a partita con la maggior efficienze offensiva. Ma con un giocatore del genere, inserito in un sistema come quello di Kerr e i Warriors, non c’è da sorprendersi più di tanto.

40+15. Dopo la clamorosa prova di stanotte, Anthony Davis può vantare ben 4 prestazioni stagionali con oltre 40 punti e 15 rimbalzi. Il resto dell’NBA ci è riuscito una sola volta. A riuscirci è stato Karl Anthony Towns che in settimana si è abbattuto sui New York Knicks chiudendo con 47 punti e 18 rimbalzi (15/22 dal campo) senza riuscire a portare a casa la vittoria. E’ il terzo più giovane di sempre a mettere insieme questo tipo di numeri (solo Shaq e KD sono stati più veloci).

Isaiah Thomas

60. E’ semplicemente la posizione in cui è stato scelto Isaiah Thomas nel 2011 dai Kings. Dopo 5 stagioni e spiccioli, IT è una delle migliori guardie NBA, ma soprattutto ha segnato la bellezza di 6727 punti. Tutte le 60esime scelte dal 1989 ad oggi, messe insieme, non arrivano a tanti punti segnati. Do you believe in miracles?

88. Sono le triple tentate da Rockets e Warriors durante il loro ultimo confronto terminato dopo due overtime con la vittoria di Harden e i suoi. Si tratta del maggior numero di triple tentate in una partita.

2. I giocatori con meno di 22 anni in grado di registrare almeno 34 punti, 12 rimbalzi, 5 assist e 5 recuperi. Il primo è LeBron James, il secondo è Giannis Antetokounmpo che, proprio contro James, ha dominato in lungo e in largo riuscendo a strappare una grande vittoria per i suoi. Ottimo momento per i Bucks che cavalcano una striscia di 4 vittorie consecutive.

0.3% Passiamo ora ad una curiosa statistica diffusa da Sport Center: il 29/11 hanno perso tre delle quattro migliori squadre della lega, ossia Cavaliers, Clippers e Spurs. Tutte e tre hanno giocato con avversarie che non appartengono alla prima fascia: i Cavs contro i Bucks, i Clippers contro i Nets e gli Spurs contro i Magic. Secondo uno dei principali media statunitensi la probabilità che succedesse ciò era appena dello 0.3%.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.