NBA Recap 04/02/2015: Curry in rimonta stende i Mavs, Westbrook sono 45 e il “Barba” piega Chicago

Home NBA Recap

Nottata NBA molto ricca, sono ben 11 le gare disputate oltreoceano:

A differenza di Durant, Curry sarà a disposizione di coach K.

Dallas Mavericks @ Golden State Warriors 114-128

Alla Oracle Arena di Oakland arrivavano i Dallas Mavericks di Dirk Nowitzki per far visita ai Golden State Warriors. Dopo un primo quarto da dimenticare per i padroni di casa, dove i Mavs, guidati da Chandler Parsons, vanno anche sul +20, inizia la lenta risalita Warriors culminata con un terzo quarto da urlo di Stephen Curry. La PG nativa di Akron mette insieme 26 con 6/7 da 3 e permette così ai suoi di mettere la testa avanti nella ripresa. Il figlio di Dell chiuderà poi la gara con 51 punti, 4 assist e 4 rimbalzi, vanificando così i 24 punti di Parsons e i 21+17 rimbalzi di Tyson Chandler e regalando quindi la trentanovesima vittoria della stagione a coach Kerr per 114-128.

Oklahoma City Thunder @ New Orleans Pelicans 102-91

I New Orleans Pelicans di Anthony Davis, galvanizzati dall’aver interrotto la striscia positiva degli Hawks, attendevano allo Smoothie King Center i Thunder privi di Kevin Durant.
Nonostante l’illustre defezione Oklahoma parte subito forte grazie ai 19 punti di Westrbrook (alla fine saranno 45, conditi da 6 assist e 6 rimbalzi) nella sola prima frazione. L’impatto del prodotto di UCLA permette quindi agli ospiti di chiudere il primo quarto sul 31-29. Nel secondo periodo però arriva la risposta Pelicans, che con una solida prestazione corale riescono nel finale di frazione a mettere la freccia del sorpasso che permette alla franchigia della Louisiana di andare al riposo lungo sul 57-51. Nella ripresa poi, dopo un terzo quarto equilibrato, a metà dell’ultima frazione arriva lo strappo che decide la gara: a 5.22 dalla fine e sul punteggio di 89-91 Oklahoma grazie alla schiacciata di Ibaka, apre un parziale terrificante di 13-0 e i Pelicans, storditi dal colpo ricevuto, alzano bandiera bianca arrendendosi per 102-91.

Chicago Bulls @ Houston Rockets 90-101

Al Toyota Center di Houston erano attesi i Chicago Bulls di Rose, Butler e Gasol per sfidare i padroni di casa Rockets, privi di Howard per almeno 4 settimane. Dopo un primo quarto giocato sui binari dell’equilibrio, arriva il primo strappo della gara: i Rockets nel secondo quarto, guidati dal Barba (27 punti, 4 assist e 3 rimbalzi), piazzano un parziale di 4-12 che permette quindi ai padroni di casa di andare al riposo lungo sul +9 per 48-57. Nella ripresa, dopo un timido tentativo Bulls di rimonta nel terzo quarto, i Rockets nell’ultimo periodo piazzano il colpo del KO grazie a Trevor Ariza. L’ex Los Angeles Lakers nell’ultima frazione mette a referto 14 punti e manda i titoli di coda alla gara che viene quindi vinta da Houston per 90-101.

Nelle altre gare della notte, vittoria per gli Atlanta Hawks, che guidati dai 26 punti e 8 assist di Jeff Teague, piegano 96-105 i Wizards (John Wall: 24+9 assist); Ai Detroit Pistons non bastano i 18 punti e 16 rimbalzi di Drummond per avere la meglio sui Pacers (George Hill: 20+6 assist). Vince Indiana 109-114; I 17+5 rimbalzi di Thorton guidano i Celtics alla vittoria per 100-104 sui Nuggets (Lawson: 23+8 assist); Grazie ad un Jarret Jack da 24 punti, 6 assist e 4 rimbalzi, i Nets battono i Raptors (Ross: 23 punti) per 109-93; I 28 punti e 9 rimbalzi di Carlos Boozer non bastano ai Lakers per battere i Bucks. Milwaukee manda 4 giocatori sopra i 20 punti e vince così la gara all’OT per 105-113; Nonostante una super prestazione di Whiteside da 20 punti e 24 rimbalzi con 12/13 al tiro, i Miami Heat vengono sconfitti dai T-Wolves (Kevin Martin: 30 punti) per 101-102, anche per colpa di una sciocchezza di Norris Cole (guarda qui); Nonostante la solita doppia doppia di Vucevic da 25 punti e 13 rimbalzi, i Magic si devono inchinare agli Spurs (Duncan: 26+10 rimbazli) per 103-110; Il solito straordinario frontcourt di Memphis (Randolph+Gasol) mette insieme 41 punti+17 rimbalzi, guidando così i Grizzlies alla vittoria sui Jazz (Kanter: 16+10 rimbalzi) per 100-90.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.