NBA Recap 12/01/14: Nette vittorie per Kings e Spurs, Memphis sconfigge Atlanta

Home

011214-kings-cavaliers-600

 

Cleveland Cavaliers @ Sacramento Kings     80-124

La prima partita della notte è un blowout nel quale i Kings stravincono la terza partita consecutiva. Nonostante un primo quarto in cui Cleveland termina in vantaggio 32-30 grazie a Varejao (10+7+6 in 25 minuti) e CJ Miles (14 punti in 24 minuti), Sacramento prende in mano la gara nella parte centrale, chiudendo gli ultimi tre quarti con un parziale complessivo di 94-48 con le scorribande di Thomas (26+6ast) e le conclusioni di Gay (20), Cousins (16+11) e Fredette (13 in 19 minuti con 3/5 da 3). Con un Irving da 3/14 dal campo per 7 punti, a questi Cavs non basta neanche l’innesto di Luol Deng (12+5 in 24 minuti) per rialzarsi dalle difficoltà di questa stagione.

 

conley-randolph-memphis-grizzliesAtlanta Hawks @ Memphis Grizzlies     101-108

I Grizzlies sembrano aver ritrovato la chimica di squadra che li ha portati ai successi nei playoff delle ultime stagioni e, con il rientro di Marc Gasol che si avvicina, rientrano nella lotta per un posto nella postseason; come nel recente periodo, Memphis è guidata dal duo Conley-Randolph: il prodotto di Ohio State firma una doppia doppia da 21 punti e 13 assists, mentre l’ex Jailblazer ne mette 18 con 12 rimbalzi. La partita prosegue per gran parte sui binari dell’equilibrio, dato che Atlanta trova un grande Millsap (21+6+6) e il solito Teague (20+5ast), ma nel finale sono decisivi i canestri di Miller (15) e Lee (15) per dare la W ai Grizzlies.

 

1383190862000-USP-NBA-Memphis-Grizzlies-at-San-Antonio-Spurs-001Minnesota Timberwolves @ San Antonio Spurs     86-104

Gli Spurs vincono la settima gara delle ultime otto e si ergono al primo posto solitario della Western Conference grazie alla W ottenuta contro degli spenti Timberwolves, che sembrano aver ormai perso le speranze di un posto ai playoffs data la pochissima voglia di vincere mostrata in quest’incontro: San Antonio, priva di Ginobili e Splitter, manda 6 uomini in doppia cifra, tutti guidati da Kawhi Leonard (17+6) e dalla doppia doppia di Tony Parker (14+10ast), mentre per Minnesota c’è la solita solida prestazione di Pekovic (22+6) ma c’è da riportare la serata di apparente pausa della stella Kevin Love (14+7 con 3/14 dal campo e alcuni appoggi facili sbagliati); escludendo Pekovic, gli altri 4/5 del quintetto base di Minnesota tirano 9/39 dal campo, impossibile vincere così.

 

La top 5 della notte:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.