scottie pippen michael jordan nba

NBA – Scottie Pippen ha sminuito il “Flu Game” di Michael Jordan

Home NBA News

Non accenna a placarsi la polemica tra Scottie Pippen e Michael Jordan, col primo che continua ad attaccare il suo ex compagno. Dopo le bordate nel suo libro, ora Pippen è intervenuto in radio, ospite di Frank Isola di SiriusXM NBA Radio. Nel suo intervento, l’ex giocatore dei Chicago Bulls è arrivato a sminuire il famoso “Flu Game” di Jordan, in Gara-5 delle Finals 1997.

In quella partita, Jordan giocò con una forte febbre che quasi gli impediva di reggersi in piedi, realizzando 38 punti con 7 rimbalzi e 5 assist e portando i Bulls al successo in casa dei Jazz. Le ragioni di quel malessere non sono mai state chiarite, “leggenda” vuole che fossero dovute ad un’intossicazione alimentare per una pizza.

Nell’ambito dell’intervista, a Pippen è stato chiesto di un altro episodio: quando giocò Gara-6 delle Finals 1998 nonostante un infortunio alla schiena. I Bulls vinsero quella partita, sempre contro i Jazz, andando a completare il Three-peat proprio grazie al celebre tiro allo scadere di Jordan, autore di 45 punti. Più modesta la prova di Pippen, che chiuse con 8 punti e 4/7 al tiro. MJ e Toni Kukoc, con 15 punti, furono gli unici due giocatori di Chicago ad andare in doppia cifra.

Voglio chiedervi questo. È più facile giocare con un’ernia del disco oppure con la febbre? Io non vedo molti “Back Game”, ma vedo tanti “Flu Game”. È solo febbre, dai. Ero KO, praticamente. Faticavo a reggermi in piedi e ne ho sofferto. Ne soffro le conseguenze ancora oggi. Ma non avrei giocato un’eventuale Gara-7, non ne sarei stato in grado.

Francesco Manzi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.