NCAA Final Four: Minneapolis è azzurra con Moretti e Badocchi, Virginia-Texas Tech sarà la finale

NCAA Recap

Auburn e Michigan State si arrendono, il verdetto finale si deciderà l’8 Aprile quando a Minneapolis si sfideranno per il titolo NCAA Virginia e Texas Tech: nella notte, infatti, i Cavaliers hanno superato di misura l’underdog Auburn che ha tenuto la sfida ad alta tensione fino alla fine prima di cedere nei secondi finali, mentre il +10 netto dei Raiders è frutto di una seconda parte di gara dove questi hanno dimostrato di averne di più per raggiungere la finale.

 

AUBURN-VIRGINIA 62-63

Il primo tempo vede una sfida parecchio equilibrata dove Virginia prova a far valere le letture intelligenti sui tagli dei compagni e la costruzione di tiri aperti, oltre a una difesa solida, mentre Auburn cerca di scardinare le maglie della rete difensiva avversaria con un ritmo più veloce e transizioni efficaci: i primi 20′ recitano 31-28 per i Tigers. Nella ripresa tocca ai Cavaliers prendere il comando e lo fanno trascinati da Hunter e dalle triple di Jerome che a 5′ dalla fine e con 10 punti di vantaggio sembrano dare una svolta decisiva; ma Auburn non molla mai e 3 triple di Brown scrivono un 12-0 che ribalta clamorosamente trend e punteggio con i Tigers vicini alla finalissima (61-57). Ma nei secondi finali succede di tutto: Guy pesca una pazzesca tripla dall’angolo con le mani in faccia per il -1, poi Harper su fallo sistematico in lunetta fa solo 1/2 sbagliando il secondo libero; sulla rimessa finale, Guy spara la tripla della speranza che non entra, ma gli arbitri chiamano fallo di Doughty e quindi sono tre liberi: il #5 non fallisce e con 0.6 secondi rimasti Auburn non costruisce un buon tiro e Virginia va alla finale.

AUBURN: Doughty 13, Brown 12, Harper 11
VIRGINIA: Jerome 21, Guy 15, Hunter 14

 

TEXAS TECH-MICHIGAN STATE 61-51

Nei primi 20 minuti prevale la forza dei singoli: gli Spartans provano a condurre i giochi trascinati dal duo McQuaid-Winston, con il playmaker in grande spolvero, ma se in un primo momento TT fa valere inizialmente il lavoro di squadra, nel momento di difficoltà tocca a Mooney togliere le castagne dal fuoco e a rimettere i conti in equilibrio per il 23-21 che manda tutti negli spogliatoi. Al rientro in campo, 5 punti di Moretti danno l’imprinting giusto per la ripresa dei Raiders: Michigan State prova a rimanere in corsa, ma i giocatori in maglia rossa hanno una marcia in più e lo dimostrano prima con un 2+1 di Edwards e poi con due macigni dall’arco di Mooney che valgono il +12 con 11′ sul cronometro (45-33); gli Spartans però non cedono e riaprono i conti con Tillman ed Henry a fare da spalla a Winston stavolta, per una rimonta che a meno di 3′ dal termine sul 52-51 prevede un finale infuocato. Ma nel momento decisivo esce Culver: il prospetto NBA pesca 7 punti nello spiazzante 9-0 dei Raiders che mette in ginocchio gli avversari e vale la corsa per il titolo.

TEXAS TECH: Mooney 22, Culver 10
MICHIGAN STATE: Winston 16, McQuaid 12, Henry 11

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.