Non c’è partita al Wizink Center: il Real strapazza il Khimki

Coppe Europee Eurolega

REAL MADRID-KHIMKI MOSCA 104-76

(31-25, 34-17, 27-14, 12-20)

Partita da record per il Real Madrid, che travolge il malcapitato Khimki conquistando la quarta vittoria europea consecutiva. E’ stato equilibrato solo il primo periodo, poi gli spagnoli hanno continuato a segnare con continuità, aggiustando però la difesa. Da lì inizia l’incubo per i russi, che subiscono un dominio totale della squadra di Laso, fermatasi solo negli ultimi 3′.

Il Real inizia forte, con Randolph e Campazzo a predicare basket. In realtà, gran parte della prima fuga sul +9 è merito di una difesa passiva del Khimki, che concede tre 2+1 e 17 punti in 5′. La gara gira dopo il time-out, quando Shved e Jovic iniziano a giocare e rimontano lo svantaggio fino al sorpasso. Una nuova accelerata permette agli spagnoli di chiudere 31-25 la prima frazione. Nel secondo quarto in campo ci sono solo i Blancos, che allungano ancora con Randolph e Mickey, entrato alla grande nella partita. Il Khimki trova qualche giocata in attacco da Jerebko e Cramer, ma sprofonda a -20 con i missili di Carroll e Llull. Il trend è lo stesso fino all’intervallo, quando il parziale recita 65-42 con il 64% dal campo per i locali. Al rientro in campo non cambia assolutamente nulla, il Real riparte da un umiliante parziale di 16-2. Il gap rimane sempre larghissimo, poi nel finale di quarto i punti sono firmati da Campazzo e Deck, autore dell’assist per la tripla di Thompkins, che fissa il punteggio di 92-56 al 30′. L’ultimo periodo è puro garbage time, col Real che supera in fretta quota cento punti e poi allenta la pressione. Il Khimki cerca di rendere il passivo meno pesante, trovando canestri da fuori con Monia ed Evans, rientrando sotto le 30 lunghezze di scarto. La gara termina 104-76.

Real Madrid: Randolph 19, Campazzo e Tavares 15.

Khimki: Cramer 14, Gill e Shved 12.

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.